Migranti a Lampedusa, isola tranquilla per i turisti? L’intervista al sindaco Salvatore Martello

Diversi gli sbarchi di migranti avvenuti in queste ultime settimane a Lampedusa. Tutti i migranti dopo l’approdo a Molo Favarolo, vengono portati all’hotspot di contrada Imbriacola

Intervista sindaco Lampedusa

Sono 552 i migranti giunti, con quattro diverse imbarcazioni, nelle ultime ore a Lampedusa. In merito alla situazione che sta vivendo l’isola, noi di yeslife abbiamo intervistato il primo cittadino Salvatore Martello. “All’interno del centro ci sono 250 persone, alcuni sono per il fermo di polizia giudiziaria e altri stanno aspettando i riconoscimenti per poi essere trasferiti in una nave quarantena”.

Quali sono le condizioni all’interno dellhotspot?
“L’hotspot puo’ contenere all’incirca 500 persone, i migranti che arrivano a Lampedusa pero’ stanno il tempo necessario per poi essere trasferiti sulla nave quarantena: se in un giorno quindi ci sono 1000 persone, entro l’indomani mattina, fatti i dovuti controlli, vengono trasferiti sulla nave quarantena”.

MARTELLO: “LAMPEDUSA SICURA, NESSUN PROBLEMA PER LAMPEDUSANI E TURISTI”

Intervista sindaco Lampedusa

Sono tanti i giornali che parlano di situazione critica a Lampedusa, vogliamo smentire queste voci?
“Queste sono le notizie che danneggiano l’economia dell’isola. Si parla sempre di emergenza, di sovraffollamento, di situazione pericolosa. Voglio rassicurare tutti che non c’e’ nessun pericolo per i lampedusani e per i turisti, in quanto non avviene nessun contatto fisico con i migranti. Inoltre i migranti stanno il tempo necessario, poi vengono trrasferiti sulle navi quarantena. L’emergenza avviene ogni tanto, com’e’ successo un po’ di tempo fa quando in 24 ore sono arrivati 2400 migranti. Li stavamo trasferendo su una nave quarantena, ma a causa del maltempo abbiamo dovuto mollare gli ormeggi e quindi i migranti per 24 ore sono rimasti bloccati all’interno del centro. Quando si parla di emergenza Covid, bisogna stare attenti che le notizie vengono interpretate male da parte della gente. Chiedo molta precisione nell’informazione da parte dei giornalisti e delle forze dell’ordine”.

Ha avuto un colloquio con Roma o con il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci?
“Per quanto riguarda Roma siamo in continuo contatto con il Ministero degli Interni, ci sentiamo quasi ogni giorno per cercare di collaborare e far reggere il sistema che abbiamo elaborato su Lampedusa. Per quanto riguarda il Presidente della Regione, quando lo chiamiamo lui e’ sempre disponibile. Il fenomeno delle migrazioni acora oggi non viene affrontato ne’ dal Governo Europeo e neanche dal Governo Italiano. Noi stiamo affrontando oggi esclusivamente l’emergenza per l’accoglienza. Tutto il resto, o quando si sente parlare in Europa che stanno affrontando il problema delle migrazioni si parla solo ed esclusivamente di rifugiati. Chi arriva a Lampedusa, sono migranti economici e quindi non c’e’ discussione sui migranti economici che sbarcano in Italia”.

L’immigrazione e’ un problema che puo’ essere risolto?
“Io non lo so se puo’ essere risolto, so solo che ci sono alcuni elementi per cercare di togliere il fenomeno dell’immigrazione dall’illegalita’. Per quale motivo non ci sono i corridoi regolari, regolarizzati dai paesi sia di partenza che di arrivo. Non si capisce per quale motivo il documento che e’ stato fatto dall’Onu, il ‘Global Compact on Migration’ non viene esaminato ne’ in Europa e neanche in Italia”.

sbarchi migranti

Gli abitanti dell’isola sono stanchi di vivere questa situazione che crea apprensione. Secondo lei queste continua notizie che arrivano sugli sbarchi di migranti possono influire nell’andamento del turismo a Lampedusa?
“La gente sa come funziona il turismo a Lampedusa, le persone sull’isola ci sono. Il problema vero e’ quando si cerca di speculare sul fenomeno dell’immigrazione o quando si informa la gente di problemi che non ci sono, o quando Lampedusa viene utilizzata per fini prettamente politici. Ci sono molte fake news che girano in Italia sul fenomeno delle migrazioni . Se c’e’ ideologicamente un’informazione negativa o si specula sul fenomeno delle migrazioni, il danno che c’e’ sull’isola di Lampedusa e’ forte. Siccome i nostri turisti conoscono Lampedusa ogni anno li rivediamo sempre sull’isola, questo vuol dire che vengono dette cose che non corrispondono alla verita'”