Travolto da una porta mentre gioca a calcio: morto ragazzino di 12 anni

Un ragazzo di soli 12 anni è morto a Carini (Palermo) nel pomeriggio di ieri dopo essere stato travolto da una porta di calcetto alla quale si era appeso.

Calcio
(Getty Images)

Si sarebbe aggrappato, mentre giocava a calcio con alcuni amici, alla traversa di una porta di ferro che è caduta e lo ha travolto. È morto così un ragazzo di soli 12 anni. Il drammatico episodio si è consumato a Carini, in provincia di Palermo, nel pomeriggio di ieri. Gli amici che hanno assistito alla tragedia hanno chiamato i soccorsi che, una volta arrivati sul posto, non hanno potuto far nulla per salvare la vita al 12enne. Sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia locale.

Palermo, si appende alla porta da calcetto: ragazzo di 12 anni muore mentre gioca con gli amici

Aveva solo 12 anni ed una vita davanti a sé, Gabriele Conigliaro, il ragazzo deceduto nel pomeriggio di ieri, giovedì 8 luglio, a Carini, comune in provincia di Palermo.

Ambulanza
Ambulanza (Marcodotto – AdobeStock)

La vittima, secondo quanto ricostruito dai carabinieri attraverso le testimonianze dei presenti, come riporta la stampa locale e la redazione di Repubblica, stava giocando a calcio con alcuni amici nel parco comunale Sofia, dove il gruppetto era entrato nonostante il parco fosse chiuso. Il 12enne, forse per imitare i portieri, si sarebbe appeso alla traversa di una porta di ferro che, non essendo fissata al terreno, è caduta colpendolo alla testa e al torace. Gli amici, assistendo attoniti alla tragedia, hanno subito lanciato l’allarme.

Leggi anche —> Colpito da malore durante partita di calcetto: muore padre di tre figli

Presso il parco è arrivata, in pochi minuti, un’ambulanza del 118 con a bordo l’equipe medica che ha avviato le manovre di rianimazione. Purtroppo, nonostante gli svariati tentativi dei sanitari, per Gabriele non c’è stato nulla da fare.

Leggi anche —> Malore in spiaggia: giovane imprenditore muore durante la luna di miele

Avetrana: l'omicidio di Sarah
Carabinieri (foto di djedj da Pixabay)

I carabinieri della compagnia del comune in provincia di Palermo, giunti sul posto, hanno avviato le indagini per ricostruire con esattezza la tragedia. I militari dell’Arma hanno provveduto a sequestrare l’area e adesso, scrive Repubblica, stanno valutando eventuali responsabilità.