Imprudenza costa la vita ad un uomo: dilaniato sotto gli occhi degli amici

In Brasile, ieri, un uomo è stato attaccato e ucciso da uno squalo mentre si trovava a pochi metri dalla riva dell’Oceano: dilaniato sotto gli occhi degli amici.

Oceano
(Dimitris Vetsikas – Pixabay)

Una giornata di bagordi e troppo alcool hanno portato un uomo, in Brasile a compiere un gesto altamente imprudente, sfociato in tragedia. Marcelo Rocha Santos, con un gruppo di amici, nella giornata di ieri – sabato 17 luglio- si è recato presso la spiaggia di Piedade a Jaboatao dos Guarapes. Ad un certo punto avrebbe avvertito la necessita di urinare e per tale ragione sarebbe entrato nell’Oceano. Purtroppo, però, avrebbe sottovalutato il pericolo che si celava in quelle acque.

Brasile, uomo entra in acqua per urinare: ucciso da uno squalo davanti agli amici

Non appena entrato in acqua, Marcelo Rocha Santos sarebbe stato attaccato da uno squalo il quale lo avrebbe azzannato agli arti.

Squalo bianco
(Getty Images)

Una possibilità, quella che il grande predatore marino avrebbe potuto aggirarsi in quelle acque non così remote dato che nei pressi della spiaggia di Piedade a Jaboatao dos Guarapes erano stati già segnalati una dozzina di attacchi.

Leggi anche —> Giallo nella villa dove venne ucciso Gianni Versace: rinvenuti due cadaveri

Per l’uomo, rimasto vittima dello squalo sotto gli occhi degli amici e del bagnino, non c’è stato nulla da fare. Dalla riva, riportano fonti locali e la redazione di Libero, i presenti avrebbero notato Marcelo compiere gesti inconsulti, poi una chiazza di sangue spandersi attorno al suo corpo.

Immediata la chiamata ai soccorsi che sopraggiunti in spiaggia avrebbero tentato una disperata corsa in Ospedale, purtroppo inutile. Una volta arrivati presso il nosocomio, è stato dichiarato il decesso dell’uomo.

Stando a quanto riferisce Libero, Edriano Gomes, un amico della vittima ha raccontato che Marcelo aveva deciso di entrare in acqua quando il cielo si era riempito di nuvole ed il mare era mosso. Forse tale ultima circostanza non gli avrebbe consentito di vedere l’avvicinarsi dello squalo.

Leggi anche —> Violenze e saccheggi: sale a 72 il bilancio delle vittime

Anche un altro ragazzo era entrato in acqua con la vittima per il suo stesso motivo. Fortunatamente si sarebbe accorto del pericolo, riuscendo ad uscire in tempo e mettersi in salvo.

Ambulanza
Ambulanza (Tobias Arhelger – AdobeStock)

A trarre in salvo il corpo di Marcelo proprio gli amici, i quali lo hanno affidato alle cure dei sanitari, purtroppo però risultate vane.