Covid-19, Renzi risponde a Salvini: “No ai vaccini agli under 40? Una follia”

Il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ha risposto a Matteo Salvini in merito alle vaccinazioni anti Covid-19 agli under 40 e al Green Pass.

Matteo Renzi
Matteo Renzi (Getty Images)

In questi giorni tiene banco la discussione sulla possibilità di rendere obbligatorio il Green Pass nel nostro Paese. In merito, nel corso di un’intervista alla redazione di Repubblica, era intervenuto l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini, il quale aveva affermato che rendere obbligatoria la certificazione per viaggiare “sui treni pendolari o per mangiare la pizza” non avrebbe senso.

Inoltre, secondo il leader della Lega, il vaccino per i giovani non servirebbe, ma al momento sarebbe meglio mettere in sicurezza gli over 60, lasciando la scelta ai soggetti tra i 40 e i 59 anni. Non si è fatta attendere la risposta di Matteo Renzi, ospite questa mattina a Rai News 24.

Covid-19, Renzi risponde a Salvini: “Dire che non bisogna vaccinarsi sotto i 40 anni è una follia”

Dire che non bisogna vaccinarsi sotto i 40 anni è una follia. Ho sempre combattuto contro i No Vax. Penso che bisogna giocare la carta della franchezza: nelle prossime settimane, purtroppo cresceranno i contagi perché la variante Delta è molto contagiosa, ma per chi ha ricevuto il vaccino, il coronavirus è poco più di una influenza“.

referendum lega liberi rubare
Matteo Salvini (Getty Images)

Queste le parole del leader di Italia Viva, ospite questa mattina a Rai News 24. L’ex premier ha risposto alle dichiarazioni rilasciate ieri da Matteo Salvini in un’intervista a Repubblica. Il leader della Lega aveva affermato che vaccinare gli under 40 non serve, mentre sarebbe necessario mettere in sicurezza gli over 60, lasciando la scelta di somministrazione ai soggetti appartenenti alla fascia d’età tra i 40 e i 59 anni.

Leggi anche —> Covid-19, paradosso inglese, riaperture dopo il boom di contagi: la decisione di Johnson

Renzi ha poi aggiunto che, a suo avviso, l’obbligatorietà del vaccino potrebbe essere opportuna per alcune categorie, ad esempio il settore scolastico e il personale sanitario. L’ex Premier, che ha da poco ricevuto il vaccino, si è detto favorevole al Green Pass affermando: “Se dobbiamo tornare in zona rossa, dovrebbero tornarci quelli che non si sono sottoposti alla vaccinazione. Il Green Pass è l’unico strumento se non vogliamo introdurre l’obbligatorietà dei vaccini“.

Sul Green Pass, Salvini, invece, nella sua intervista a Repubblica aveva affermato che lo trovava sensato nel caso in cui si prenda parte ad eventi da 40/50mila persone, non invece per viaggiare sui treni pendolari o per recarsi in un locale a mangiare una pizza.

Leggi anche —>  Green Pass, indiscrezioni sul decreto: doppia dose per ottenerlo e multe salate

Le parole dell’ex ministro dell’Interno hanno suscitato la reazione anche della capogruppo del Partito democratico in Senato, Simona Malpezzi, che su Twitter ha scritto: “È più di un anno che Salvini rifiuta ogni misura o strumento per combattere il virus”.

Green Pass
(cristianstorto – AdobeStock)

Ed ha poi chiosato: “Oggi, sul Green Pass, lo sconfessa nettamente anche Fedriga. È molto grave che un leader politico remi contro la campagna vaccinale. Noi lavoriamo per l’uscita dalla crisi. Salvini la ostacola“.