Ragazzo muore a soli 12 anni: aveva partecipato ad una challenge su TikTok

Un ragazzo di 12 anni è stato trovato morto in Oklahoma (Usa) dopo aver preso parte ad una challenge su TikTok.

TikTok
(Getty Images)

Una macabra moda che sta sempre più spopolando tra i giovani, quella di prendere parte a sfide social pericolosissime, che purtroppo concedono alle pagine di cronaca sfilze di nomi vittime. L’ultima giunge dall’Oklahoma (Usa) dove un ragazzo di 12 anni è stato trovato privo di sensi all’interno della propria casa. Inutili i tentativi di soccorso per il giovane che è deceduto poco dopo essere stato trasportato in ospedale.

Usa, ragazzo morto a soli 12 anni: aveva partecipato ad una challenge su TikTok

È stato rinvenuto con evidenti segni di legature sul collo il ragazzo di 12 anni poi deceduto dopo aver partecipate ad una letale challenge su TikTok.

Ambulanza Usa
(Getty Images)

Il ragazzo, riportano i media locali e la redazione di Usa Today, è stato trovato privo di sensi nella serata di lunedì 19 luglio all’interno della propria abitazione. Immediata la corsa in ospedale, dove è stato ricoverato nel reparto pediatrico. Purtroppo, però, ogni tentativo di salvargli la vita è risultato vano ed il giorno seguente i medici ne hanno dichiarato il decesso.

Leggi anche —> Tragedia durante una sessione di bungee jumping: muore ragazza di 25 anni

Avrebbe preso parte alla cosiddetta “blackout challenge” che consiste nello stringersi qualcosa al collo fino a perdere conoscenza. Una volta rinvenuto, il partecipante alla sfida verrebbe investito da un alto tasso di adrenalina.

Leggi anche —> Uccide brutalmente la ex fidanzata incinta: arrestato 19enne

L’ennesimo episodio di morte legata ad una assurda sfida sul web che ha nuovamente portato le autorità a sensibilizzare le famiglie sul tema e ad invogliarle a monitorare le attività social dei propri figli. Purtroppo vi sarebbero ulteriori vittime legate alla “blackout challenge”. Tre bambini di età compresa tra i 7 ed i 12 anni si sono spente per quella follia che oggi serpeggia sui social.

Ormai le gare sul web sono divenute una sorta di sfida per i ragazzi che cercano di trovare approvazione tra i propri coetanei dimostrando quella che a loro avviso sarebbe una sorta di coraggio.

Smartphone
(Pexels – Pixabay)

Purtroppo lo spirito emulativo è diventato tipico di questa società materialista dove conta più l’apparire che l’essere. Dove i sentimenti e le sensazioni reali lasciano spazio a sterili spazi ritagliati in rete dove per raccogliere consensi le persone si prestano all’impossibile.