Le ginnaste tedesche alle Olimpiadi sorprendono con una presa di posizione importante

Le atlete tedesche hanno deciso di sovvertire l’ordine prendendo una posizione concreta contro la sessualizzazione 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pauline Schäfer 🤸🏽‍♀️ (@pauline_schaefer)

Durante le Olpimpiadi in corso a Tokyo, sono state molte le sorprese e i colpi di scena. Ma indubbiamente uno dei più grandi è stato fatto dalle atlete tedesche in corso per la ginnastica artistica. Le giovani donne hanno deciso di gareggiare senza i classici body stretti che da anni si usano per questa disciplina.

LEGGI ANCHE>>>“Dea”: Paola di Benedetto, il look estivo stuzzica i fan. Fascino irresistibile – FOTO

La prese di posizione contro i body nella ginnastica

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Sara Croce sirena bollente appena uscita dall’acqua: “Si illuminano gli occhi” – FOTO

Per anni i body attillati e stretti sono stati obbligatori nella ginnastica artistica. Nonostante fossero fonte di scomodità in più occasione per le ginnaste, ai giurati non è mai interessato. Quelle erano le regole e bisognava rispettarle. Inoltre durante la gara se qualcosa fuoriusciva dal body, inevitabilmente perché essendo così piccoli con movimenti importanti poteva capitare, le ginnaste non potevano sistemarsi o sarebbero state penalizzate. Queste sono le severe regole della disciplina. E dopo quanto accaduto con l’ex medico della nazionale di ginnastica Usa, che è stato accusato di aver molestato oltre 260 ragazze ed è stato condannato a 125 anni di prigione.

Le ginnaste tedesche hanno deciso di prendere una seria decisione. Vogliono essere giudicate e trattate come gli uomini. Basta body scomodi e che mettono in mostra le loro curve. Vogliono le tute maschili, che le coprono dal collo alle caviglie. Il loro gesto serve a combattere la sessualizzazione delle donne. Non si dovranno più sentire a disagio mentre gareggiano a causano dei body succinti imposti dal regolamento. Per il momento sono le uniche ad aver preso questa decisione, ma sicuramente apriranno la strada a molte altre atlete che le seguiranno. Nel 2006 in un film sulla ginnastica artistica, Stick it, era già stato affrontato il discorso. Infatti la protagonista Haley che aveva un carattere decisamente forte.

 Davanti alla penalizzazione di una performance della compagna di squadra dovuta alla fuoriuscita del reggiseno dal body, ha deciso di non gareggiare e invece di mettere in mostra le spalline del suo reggiseno. E anche le ginnaste tedesche hanno deciso di non sottomettersi più ad un sistema che le vuole solo mettere in difficoltà e far sentire a disagio rispetto agli uomini.