Barbie lancia la bambola Sarah Gilbert, la co-creatrice AstraZeneca

L’azienda di giocattoli Mattel ha annunciato di aver creato il nuovo prodotto in onore della scienziata britannica Sarah Gilbert.

Vaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca (Getty Images)

La vaccinologa Sarah Gilbert, specializzata nello sviluppo di vaccini contro l’influenza e contro gli agenti patogeni virali emergenti, diventa una Barbie. Lo ha annunciato l’azienda di giocattoli Mattel: la nuova bambola è stata realizzata in onore della scienziata britannica co-creatrice del vaccino AstraZeneca contro il Covid-19. Oltre a Sarah Gilbert, la società ha rivelato ai media altri cinque nuovi “modelli scientifici” di Barbie, come omaggio ad altri volti femminili al servizio della scienza e della ricerca. L’obiettivo? “Ispirare la prossima generazione a prendere esempio da queste eroine“.

LEGGI ANCHE >>> Afghanistan, avanzata dei talebani: guerra a Lashkar Gah e due attentati a Kabul

Avvicinare i bambini alla scienza: le parole di Lisa McKnight

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kuwait Times (@kuwaittimes)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Donna picchiata e violentata da un gruppo di narcotrafficanti

Lo scopo dell’azienda Mattel è indubbio e condiviso appieno dalla stessa Sarah Gilbert: “voglio ispirare la nuova generazione […] spero che i bambini che vedono la mia Barbie capiscano quanto le carriere scientifiche siano nodali per sostenere il mondo attorno a noi“.  Oltre a rendere omaggio alla nota vaccinologa co-creatrice del vaccino anti-Covid AstraZeneca, i nuovi modelli da edizione limitata riprendono i volti delle ricercatrici americane Amy O’Sullivan e Audrey Cruz, operatrici in campo sanitario; della professoressa canadese Chika Stacy Oriuwa; della ricercatrice brasiliana Jaqueline Goes de Jesus e, infine, della dottoressa australiana Kirby White, inventrice del camice chirurgico riutilizzabile in campo sanitario: il nuovo dispositivo si è rivelato essenziale nella dura lotta medica contro il virus SARS-CoV-2.

Lisa McKnight, vicepresidente senior e direttrice di Barbie e altre bambole Mattel, si fa portavoce della mission dell’azienda: “Barbie riconosce la fatica e la dedizione di tutti i lavoratori contro il Covid-19. Il personale medico e scientifico ha fatto enormi sacrifici nell’affrontare la pandemia e le sue sfide. Per far luce sui loro sforzi, condividiamo le loro storie… affinché la prossima generazione possa lasciarsi ispirare dallo spirito di queste eroine.“.

poliziotto catania vaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca (Getty Images)

In tutto il mondo si stima una vendita di un miliardo di bambole Barbidal primo lancio suo lancio da parte di Mattel 60 anni fa. Di fronte alle numerose critiche relative all’estrema morfologia ed estetica del giocattolo, il marchio ha diversificato l’aspetto delle sue bambole nel corso degli anni.

Fonte BBC