Dramma in ospedale: paziente Covid si toglie la vita gettandosi dal terzo piano

Un paziente di 60 anni, positivo al Covid-19, si è tolto la vita la scorsa notte gettandosi da una finestra dell’ospedale Cervello di Palermo.

Ospedale
(Cezary Paweł – Pixabay)

Si è gettato nel vuoto dal terzo piano dell’ospedale in cui si trovava ricoverato. Così si è tolto la vita, durante la scorsa notte a Palermo, un uomo di 60 anni che, dopo essere risultato positivo al Covid-19, era stato trasferito nel reparto di Terapia intensiva dedicato ai pazienti positivi al virus. A lanciare l’allarme un’infermiera tramite una guardia giurata. Quando i soccorsi hanno raggiunto il punto in cui era precipitato il paziente non hanno potuto far altro che costatarne il decesso. Intervenuta la Polizia che ora sta svolgendo le indagini sul caso.

Palermo, dramma all’ospedale Cervello: paziente Covid-19 si toglie la vita

Dramma la scorsa notte, tra martedì 3 e mercoledì 4 agosto, a Palermo, dove un uomo di 60 anni si è tolto la vita all’ospedale Cervello.

Ambulanza
(Massimo Todaro – Adobe Stock)

Il 60enne, come riportano varie fonti locali, tra cui la redazione di Palermo Today, era risultato positivo al coronavirus e si trovava ricoverato nel reparto di terapia intensiva, sito al terzo piano. Durante la notte, il paziente si sarebbe gettato dalla finestra precipitando al suolo. Un’infermiera, accortasi dell’accaduto, ha allertato un a guardia giurata che ha chiamato le forze dell’ordine.

Leggi anche —> Dramma in un parcheggio: uomo trovato morto da alcuni passanti

Gli operatori medici hanno raggiunto il paziente, ma hanno potuto solo constatarne il decesso: troppo gravi le ferite riportate nella caduta.

Leggi anche —> Uomo trovato morto in un camper parcheggiato: disposta l’autopsia

Intervenuta presso l’ospedale la Polizia del capoluogo siciliano che ora si sta occupando degli accertamenti per chiarire la dinamica dei fatti. Gli agenti hanno sentito l’infermiera che avrebbe assistito alla tragedia ed ora stanno cercando di capire le ragioni che abbiano spinto il 60enne a compiere un simile gesto. Da quanto ricostruito, scrive Palermo Today, pare che l’uomo avesse sviluppato una sorta di depressione dovuta al contagio da Covid-19.

Polizia
Polizia (Claudio Caridi – Adobe Stock)

Dopo quanto accaduto, attraverso una nota, la direzione sanitaria del nosocomio ha espresso il proprio cordoglio per i familiari del 60enne. “Sul punto – si legge nel comunicato, riportato da Palermo Todaysono in corso le valutazioni di rito da parte delle autorità preposte“.