Greta Thunberg diva di “Vogue”, ma sferra pesante attacco al settore moda

Greta Thunberg ha puntato il dito contro l’insostenibile settore del tessile, ma sceglie un simbolo della moda per sferrare l’attacco.

Greta Thunberg
Greta Thunberg (Getty Images)

Inquinamento ambientale, spreco di risorse, sfruttamento dei lavoratori. L’industria della moda è tra le più inquinanti a livello globale e Greta Thunberg non perde l’occasione per sottolinearlo puntando il dito contro il fashion system. La 18enne svedese ha deciso di attaccare il mondo della moda proprio da uno dei suoi massimi simboli. L’attivista è protagonista infatti della copertina di Vogue, nell’edizione scandinava, rivista per antonomasia emblema di tutto quello che concerne il fashion.

La studentessa è apparsa in un set dai toni green immersa tra la natura e gli animali, intenta ad accarezzare un cavallo con indosso un trench upcycled. Alla copertina, scattata da Iris e Mattias Alexandrov Klum, si è affiancato un servizio interno nelle pagine della celebre rivista. Un numero, a cui la direttrice Martina Bonnier e il suo team stava lavorando dallo scorso maggio, incentrato sulla sostenibilità.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Cambiamento climatico e fenomeni metereologici: il drammatico bilancio delle vittime

Greta Thunberg: l’attacco alla moda e al fenomeno del green washing

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Greta Thunberg (@gretathunberg)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE > Cambiamento climatico, piani per contrastarlo danneggiano i Paesi in via di sviluppo

Greta Thunberg protagonista sulla copertina di Vogue, nell’edizione scandinava, ha catturato l’attenzione del pubblico. “L’industria della moda contribuisce enormemente all’emergenza climatica ed ecologica. Per non parlare del suo impatto sugli innumerevoli lavoratori e comunità che vengono sfruttati in tutto il mondo affinché alcuni possano godere della moda veloce che molti considerano usa e getta”, il commento dell’attivista nell’ambito del servizio e dell’intervista realizzata per Vogue.

L’attivista ha poi sottolineato come negli ultimi anni la sostenibilità stia diventando un trend, ma come tuttavia la realtà non sia sostanziata da veri fatti bensì dalle sole parole. Parole pronunciate dalle aziende del tessile al solo scopo di ripulire la propria immagine. La 18enne ha evidenziato il dilagare del fenomeno del green washing, locuzione utilizzata per indicare proprio il ricorso a operazioni di marketing mascherate da azioni green.

“Non è possibile produrre moda in serie oppure consumare in modo “sostenibile” pensando come è strutturato il mondo oggi. Questo è uno dei tanti motivi per cui avremo bisogno di un cambiamento di sistema”, le parole di Greta Thunberg.

Greta Thunberg: l'attacco al mondo della moda
Greta Thunberg (screenshot da Instagram)

In merito al suo rapporto con la moda, ha svelato come non compri da anni scegliendo di riparare gli abiti da sola o prendendoli in prestito.