Caos in Afghanistan, spari e urla vicino all’aeroporto: cosa sta succedendo

A pochi giorni dall’ingresso dei talebani a Kabul la città è sprofondata nel caos. Quello che sta succedendo è sconvolgente.

Afghanistan
Civili afghani in fuga su un aereo militare tedesco (Getty Images)

La comunità internazionale è ancora sconvolta dall’ingresso dei talebani a Kabul. Era il 15 agosto quando hanno fatto il loro ingresso nella capitale scatenando il panico. Già qualche mese prima gli americani avevano deciso il ritiro delle loro truppe ma mai avrebbero potuto immaginare una resa così plateale dell’esercito alle milizie talebane.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Castelporziano, cosa è successo alla tenuta presidenziale: Mattarella condanna il gesto

Urla e spari a Jalalabil: 35 morti in Afghanistan

Proteste di donne afghane
Proteste di donne afghane contro la barbarie dei talebani (Getty Images)

Oggi il popolo ha provato a manifestare contro i talebani ma loro hanno iniziato a sparare sulla folla uccidendo 35 persone“. Questa la testimonianza drammatica di un uomo afghano che ha assistito alla barbarie dei talebani.

Decine di uomini e donne sono scesi a protestare contro i miliziani per le strade di Jalalabad. Sventolavano le vecchie bandiere dello stato afghano e sono stati barbaramente trucidati. Prima le urla poi alcuni spari in aria. Infine, decine di proiettili sulla folla. In 35 sono stati colpiti e sono morti.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Afghanistan, sull’aereo la macabra scoperta dei militari Usa

Intanto a Kabul, nella capitale, decine di civili tentano di scappare dal paese. Nei pressi dell’aeroporto è il caos. Automobili e gente in fuga. Nella calca 17 persone sono rimaste ferite.

L’Italia prova a fare la sua parte. “Da Kabul sta per partire un altro volo con a bordo anche l’attivista Zahra Ahmadi con i suoi familiari e il personale della Fondazione Veronesi al completo” scrive su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

E la Farnesina rende noto che poche ore fa è atterrato un altro volo dell’Aeronautica Militare con a bordo 86 passeggeri, tra cui alcuni italiani e molti ex collaboratori afghani insieme con le loro famiglie evacuati da Kabul.

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, sul proprio profilo su Twitter annuncia di aver convocato una riunione virtuale straordinaria dei ministri degli Esteri della Nato questo venerdì 20 agosto “per continuare il nostro stretto coordinamento e discutere il nostro approccio comune sull’Afghanistan“.