Tragedia per una donna di 40 anni, l’epilogo lascia senza parole

Tragedia a Civate, è sconcertante quello che è successo ad una donna di 40 anni, nessuno avrebbe mai pensato che sarebbe finita in questo modo. Non ci sono parole. 

Ambulanza
Ambulanza (nikhg – AdobeStock)

Nessuno avrebbe mai pensato ad una fine così tragica per Sara Ghislanzoni di 40 anni, la donna originaria di Civate in Provincia di Lecco è spirata, lasciando nel buio più totale la sua famiglia.

Sono tutti sotto shock in paese, dal momento che Sara era una donna sana che non aveva mai mostrato segni di malattia o debolezza, è successo tutto così velocemente e nessuno ha potuto far nulla se non salutarla per sempre.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Padre e figlia morti in un incidente con la moto. La madre ritrova le vittime con un’app

Sara era al nono mese di gravidanza, una tragedia senza precedenti

17enne muore infarto cardiaco veneziano
Letti d’ospedale (Pexels)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE —-> Chef morto a New York: dopo due anni la confessione incredibile

Per Sara Ghislanzoni, 40 anni, di Civate in Provincia di Lecco, non c’è stato nulla da fare. A nulla è valso il tentativo disperato da parte dei medici di salvarle la vita per strapparla alla morte. Hanno lavorato duramente anche in nome di Sole, la bambina di 9 mesi che aveva in grembo e che hanno fatto nascere.

Sara è deceduta all’ospedale Manzoni di Lecco il giorno di Ferragosto. La donna era ricoverata in Valtellina (Sondrio), mentre era in vacanza con il compagno e l’altra figlia, si è sentita male.

Arrivata in ospedale l’intervento dei medici è stato immediato. Dopo averla stabilizzata, la donna,  è stata trasferita all’ospedale Manzoni. La situazione si è aggravata ancora di più ed i medici le hanno indotto il parto, anche se nata prematura Sole sta bene, al momento è ancora in Terapia Intensiva neonatale per precauzione.

ospedale
Ospedale (Getty Images)

Dopo aver partorito per Sara non c’è stato nulla da fare, è stata portata in Rianimazione dov’è spirata qualche giorno più tardi il giorno di Ferragosto. Non ha mai potuto vedere ed abbracciare Sole, la sua piccola che tanto desiderava.

La donna era anche madre di Giorgia, lascia entrambe le figlie alle cure amorevoli del compagno. Sono sconosciute le cause del decesso, la comunità è sotto shock e si stringe al dolore della famiglia, domani sarà dato l’ultimo saluto a Sara, alle 10.30 presso la Chiesa parrocchiale di Civate.