Morto 47enne: mandato a casa dall’ospedale con i sintomi dell’influenza

Tragedia per Salvatore Roccaro, un uomo di 47 anni rinvenuto privo di vita dopo essersi recato in ospedale con sintomatologia da influenza 

Muore 47 enne: aperta un'inchiesta
(Getty Images)

Muore in circostanze da analizzare Salvatore Roccaro, un 47 enne di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, ritrovato morto nel letto della sua abitazione dai suoi famigliari. Sono stati proprio loro, infatti, a sporgere denuncia affinché si faccia chiarezza sull’accaduto.

L’uomo si era recato presso l’ospedale di Sant’Elia, al pronto soccorso, in preda ai sintomi tipici dell’influenza: febbre e dolori articolari. Da qui, però, era stato mandato a casa con il consiglio di provvedere privatamente, considerati i lunghi tempi di attesa dell’ospedale, ad effettuare un tampone Covid.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>>  Moto finisce fuori strada sulla provinciale: morta una donna, grave il marito

Quarantasettenne muore in circostanze da chiarire: aperta un’inchiesta

Muore 47 enne: aperta un'inchiesta
Salvatore Roccaro (screenshot da Facebook)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Omicidio sul lungomare: ragazza uccisa mentre passeggia con gli amici

Una morte ancora inspiegabile quella di Salvatore Roccaro, un uomo originario di San Cataldo trovato morto nel suo letto. I suoi famigliari hanno sporto denuncia e il corpo dell’uomo è stato sequestrato dal Pm. Sarà, a questo punto, l’autopsia a stabilire se l’uomo, recatosi in precedenza all’ospedale Sant’Elia, fosse affetto oppure no da Covid 19.

L’uomo, tornato a casa dopo essersi recato in pronto soccorso con febbre e dolori articolari, non aveva potuto infatti effettuare il tampone Covid; tutte le strutture private del posto infatti, verso le quali era stato indirizzato proprio al pronto soccorso, erano ancora chiuse per ferie.

Cordoglio da parte di tutti coloro che lo conoscevano e che ne hanno lasciato numerose testimonianze sui social. Intanto, proprio nella giornata di ieri, il presidente della regione Musumeci ha firmato un provvedimento volto a diffondere misure anti Covid restrittive, in vigore dal 24 agosto al 6 settembre, nei confronti di ben 55 comuni siciliani. Per alcuni comuni, quali Barrafranca e Niscemi, è stata decretata la zona arancione in vigore dal 24 al 2 settembre.

Muore 47 enne: aperta un'inchiesta
(Getty Images)

Nei 55 comuni, si tratterà di imporre l’uso della mascherina anche nei luoghi all’aperto che prevedano la presenza di più persone, quali ad esempio le piazze, oltre al consueto divieto di assembramento.