Calciomercato Juventus, i “doppi sensi” di Allegri spingono il fuoriclasse fuori da Torino

Le ultime frasi dell’allenatore della Juventus, Max Allegri suonano soltanto apparentemente come una conferma del fuoriclasse a Torino.

Juventus Pjanic
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Nella prima uscita della nuova Serie A, 2021/2022 la Juventus è incappata in un amarissimo pareggio a discapito dei bianconeri del Friuli.

La carovana di Gotti è riuscita a bloccare sul 2-2 la prima di campionato, corrispondente al ritorno di Massimiliano Allegri sulla panchina della Juventus. Il canovaccio mentale della società è ben chiaro e definito: la scelta del tecnico livornese ha come obiettivo quello di riportare la coppa dalle grandi orecchie in quel di Torino, sponda bianconera.

Dopo quattro anni di avvicendamento tra tecnici, da Maurizio Sarri ad Andrea Pirlo, il coach toscano è tornato con il suo “credo” calcistico. Un credo determinato e concreto che valse ben due finali (entrambi perse) di Champions League.

Il ritorno di Max alla Continassa corrisponde anche all’ultimo anno di contratto del fuoriclasse principale della squadra, lasciata in eredità da Andrea Pirlo.

Prima di far parlare il campo, i dirigenti e lo stesso Allegri avevano spento tutti i dubbi sulla permanenza a rischio del campione, anche se a giudicare dalle parole in conferenza prima e le scelte in campo poi, qualcosa sembra non tornare…

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —–> Inter-Genoa 4-0, le pagelle e il risultato della partita: esordio perfetto per Inzaghi

Calciomercato Juventus, il vero senso delle parole di Max Allegri sul fuoriclasse bianconero

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE —–> Napoli – Venezia: le pagelle e il tabellino della partita

Il pareggio in extremis in quel di Udine della Juventus ha fatto risalire in superficie le voci di mercato che vedrebbero lontano da Torino, il fuoriclasse “principe” della Juve 2.0 targata Max Allegri.

Nella conferenza di presentazione, il tecnico livornese ha aperto una parentesi importante sul giocatore, punto di riferimento assoluto e protagonista di ben cinque palloni d’oro in carriera.

Si tratta di Cristiano Ronaldo, super confermato in ambito presentazione dal nuovo coach, a spegnere qualsiasi dubbio sulla permanenza alla Contiassa. In molti però è ancora fresco il ricordo di quella “mania” di protagonismo di CR7. Di quando, quattro anni fa la mentalità dell’ex Real Madrid favorì l’allontanamento di Allegri da Torino e i suoi concetti di “gruppo squadra”.

Ora che i due volti principali della società di Agnelli si sono ritrovati sembra essere tornato il sereno. Anche se per qualcuno a quasi una settimana dal termine di scadenza del calciomercato è solo e soltanto “apparenza“.

Calciomercato Juventus e le parole di Allegri: CR7 si allontana?

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristiano Ronaldo (@cristiano)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE ——> Atalanta all’ultimo respiro: vince in extremis contro il Torino grazie a Piccoli

Le parole di Allegri alla vigilia della sfida di Udine hanno confermato a pieni voti le frasi pronunciate durante la conferenza di presentazione con la società. “Ho condiviso delle idee con lui e siamo d’accordo sul fatto che la stagione è lunga e può essere decisivo anche entrando dalla panchina…”.

Così fu in quel di Udine, dove effettivamente CR7 aveva deciso la gara con un colpo di testa in rete, annullata soltanto per una questione di centimetri dalla VAR.

Tuttavia l’agente del fuoriclasse, Jorge Mendes non ha ancora espresso la sua opinione. E a pochi giorni dalla “deadline” del calciomercato, tutto ancora può succedere, con il PSG che potrebbe tornare alla carica decisiva e sferrare il colpo che vale la “ciliegina sulla torta” di un mercato da “Playstation”.

Inoltre in pochi sanno che Jorge Mendes aveva cercato a più riprese di allontanare il talento di Ronaldo da Torino, prima dell’inizio ufficiale del calciomercato. Successivamente l’avvento di Allegri e le sue parole sul fuoriclasse, cinque volte pallone d’oro hanno comportato un dietrofront quasi definitivo del portoghese, spegnendo le voci di mercato.

La sensazione però dopo la panchina di Udine (CR7 ha sempre giocato anche al 50% della condizione…) e a pochi giorni dalla scadenza delle trattative è che la posizione di Ronaldo alla Juventus non è poi così salda come negli scorsi anni.

Cristiano Ronaldo
(Getty Images)

Come se non bastasse manca poco meno di un anno alla scadenza del suo contratto con la società degli Agnelli. Come finirà la “telenovela”: rinnovo o cessione dietro l’angolo?