Cambiamento climatico, la classifica delle città più attente all’ambiente

L’Economist Intelligence Unit attraverso il Safe Cities Index 2021 ha indicato quali città nel Mondo starebbero meglio gestendo la questione cambiamento climatico.

Cambiamento climatico
(Getty Images)

Il cambiamento climatico è ormai irreversibile. L’uomo, dal canto suo, potrebbe quantomeno cercare di non accelerare il fenomeno. Ed è per questo che si chiede ai Governi di porre in cima alle loro Agende la questione ambiente. Una “sfida” colta da molti e accantonata da altri.

I virtuosi sarebbero pochi come emerge dal Safe Cities Index 2021 dell’Economist Intelligence Unit che avrebbe analizzato la questione a livello planetario.

Cambiamento climatico, la lista delle città più pronte ad affrontarlo

I piani per affrontare il cambiamento climatico sarebbero dei più disparati, ma non tutti ugualmente efficaci.

Animali investiti
(Getty Images)

Questo quanto emerso dal Safe Cities Index 2021 dell’Economist Intelligence Unit attraverso cui è stata divulgata una lista delle città più zelanti. Al primo posto Wellington, capitale della Nuova Zelanda. Lo studio, iniziato nel 2015, prende in considerazioni diverse variabili tra cui la salute, la condizione delle infrastrutture e la sicurezza ambientale. Proprio quest’ultima, da quest’anno ha avuto un ruolo predominante venendo valutata come parametro a sé stante.

Leggi anche —> Cambiamento Climatico, Groenlandia cartina al tornasole per il futuro del Pianeta

Stando a quanto riporta la redazione di Quartz, Pratima Singh, direttrice del progetto, sul punto ha dichiarato: “La sicurezza ambientale non è solo una misura della vulnerabilità di una città ai cambiamenti climatici, ma rappresenta anche le strategie che le città stanno intraprendendo per essere più green“.

Leggi anche —> Riscaldamento globale, studio rivela: una nuova specie a rischio estinzione

Dal rapporto è emerso che le città con economie maggiormente sviluppate e ad alto reddito appaiono in cima alla lista nella stragrande parte delle categorie. Ad esempio Copenaghen città più sicura, Singapore e Hong Kong centri al vertice per salute e infrastrutture.

Quanto a sicurezza ambientale, invece, è stato notato che a dominare sarebbero luoghi a reddito medio: Bogotá (quarta), Rio de Janeiro (ottava) e Kuala Lumpur (decima). Tutte città, riferisce Quartz, che avrebbero puntato sull’energia sostenibile.

Ma cos’è che rende un ambiente sicuro? I ricercatori hanno distinto i dati in due categorie: input e output. Nei primi hanno inserito la sostenibilità, gli incentivi per le energie rinnovabili. Nei secondo la qualità dell’aria, le aree verdi nei centri urbani e lo stress idrico.

Dal confronto è emerso nella maggior parte di casi che i valori di input era buoni, mentre quelli di output leggermente meno. Ciò a significare che le premesse sono ottime ma l’attuazione di piani green procedono a rilento.

All’esito dello studio – come rappresentato in premessa- è emerso che Wellington sarebbe la città con i migliori valori sia input che output.

Ghiacciai
(Getty Images)

A seguire Toronto, Washington, Bogotà. La prima ed unica italiana si è vista in quinta posizione: Milano. Chiudono la top teen Zurigo e Kuala Lampur.