Covid-19, il bollettino del 27 agosto: 7.826 nuovi casi e 45 vittime

Il Ministero della Salute, nella giornata di, oggi venerdì 27 agosto, ha comunicato i numeri dell’epidemia da Covid-19 in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Appena pubblicato, sul sito del Ministero della Salute, il bollettino quotidiano che riporta i dati relativi all’epidemia da coronavirus diffusasi in Italia. Stando all’aggiornamento odierno, i casi di contagio complessivi sono 4.517.434, ossia 7.826 unità in più rispetto a ieri. In crescita anche i soggetti attualmente positivi ad oggi 138.118 (+1.061), così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva che ammontano a 511 in totale (+8). I guariti dall’inizio dell’emergenza sono 4.250.314 con un incremento di 6.717 unità rispetto a ieri. Purtroppo si aggrava ancora il bilancio delle vittime nel nostro Paese con 45 decessi registrati nelle ultime 24 ore che hanno portato il totale a 129.002.

La Regione Campania, si legge nelle note, comunica che 4 dei 5 deceduti registrati in data odierna sono ascrivibili ad un periodo compreso tra marzo ed aprile 2021. L’Emilia Romagna ha eliminato 2 casi dal totale, in quanto positivi a test antigenico ma non confermati da test molecolare. Anche il Friuli Venezia Giulia ha sottratto 1 caso, in quanto positivo a test antigenico ma non confermato dal successivo tampone molecolare. La Provincia Autonoma di Bolzano specifica che dei 74 nuovi positivi, 28 derivano da test antigenici successivamente confermati da test molecolare.
La Sicilia segnala che i decessi dichiarati oggi si riferiscono ai giorni precedenti. Infine, la Regione Veneto comunica che alcuni casi confermati da test antigenico, essendo stati successivamente confermati da test molecolare, sono stati riclassificati tra quest’ultimi.

Covid-19, bollettino: i numeri in Italia nella giornata di giovedì 26 agosto

Stando al bollettino diramato nella giornata di ieri, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza erano 4.509.611.

Coronavirus
(Getty Images)

Salivano anche i soggetti attualmente positivi che risultavano essere 137.057, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva503 in totale. Le persone guarite complessivamente erano 4.243.597. Il bilancio totale delle vittime saliva a 128.957.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Coronavirus, il bollettino del 26 agosto: 7.221 nuovi casi e 43 decessi

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 di mercoledì 25 agosto

Secondo ai dati di mercoledì, i casi di contagio complessivi erano saliti a 4.502.396. In crescita il numero dei soggetti attualmente positivi che risultavano essere 135.724. Tornava, invece, in calo il dato riguardante i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva499 in totale. Le persone guarite dall’inizio dell’emergenza erano 4.237.758. Purtroppo continuava ad aggravarsi il bilancio delle vittime in Italia giunto a 128.914.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 25 agosto: 7.548 nuovi casi di contagio e 59 morti

Terza dose vaccino anti-covid: le parole di Matto Renzi

L’ipotesi di una terza dose di vaccino è sempre più plausibile. A ribadirlo Matteo Renzi il quale ha auspicato che prima si inizierà con le somministrazioni e meglio sarà. Al momento, insieme al Green Pass ed all’obbligatorietà del vaccino, è il tema più caldo.

Per il leader di Italia Viva il quadro attuale sarebbe precario, ma con il procedere della campagna di certo la situazione si appianerà. L’ex premier, riporta Adnkronos, ha poi chiosato parlando di monoclonali che starebbero arrivando.

Tutta la situazione, conclude Renzi dovrebbe far riflettere sulla necessarietà di investire maggiormente sulla sanità pubblica coinvolgendo anche i fondi del Mes.

Monitoraggio Iss, quadro leggermente in discesa

Stando al consueto monitoraggio settimanale dell’Iss e del Ministero della Salute pare che l’indice di contagio sarebbe in flebile discesa. L’Rt sarebbe sceso a 1,01 ma il livello di incidenza sarebbe salito a 77 casi ogni 100mila abitanti.

A destare maggiori preoccupazioni il quadro della Sicilia. L’Isola – ultima per vaccinazioni e prima per contagio- avrebbe un’alta occupazione dei posti in terapia intensiva tanto che con ogni probabilità dal 30 agosto sarà collocata in zona gialla. Inoltre, secondo i modelli – riporta Tgcom24– sarebbe emerso che nel prossimo mese potrebbe assistersi ad una rapida escalation. Ma in realtà le regioni a rischio moderato sarebbero ben 10: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Liguria, Piemonte, Trento, Puglia, e Valle d’Aosta.

Giappone, bloccate dosi del vaccino Moderna per contaminazione

Il Giappone avrebbe bloccato, riporta QuiFinanza, 1,63 milioni di dosi di vaccino Moderna. Il motivo? Contaminazione. A dichiaralo lo stesso governo puntando il dito contro la Takeda, società che nel Paese del Sol Levante si occupa della distribuzione per conto della casa farmaceutica.

Anche in Italia si sarebbe verificato un caso analogo. Pare che in Veneto, a seguito della morte di un uomo, la magistratura abbia sospeso le somministrazioni di un lotto in via del tutto precauzionale e per svolgere ulteriori esami.

Sicilia, Cappellani (Pd) accusa regione: “Spalmano i ricoveri per evitare zona gialla

Il deputato del Pd Santi Cappellani sarebbe stato oltremodo diretto nei confronti della Regione Siciliana: “per evitare la zona gialla, obbligano i medici a dimettere i pazienti”. Queste le sue pesanti accuse. Il deputato avrebbe proseguito affermando, riporta Il Giornale di Sicilia, che rimessi alle cure domiciliari sarebbero anche pazienti con ossigenazione al 92% ossia ancora affetti da insufficienze respiratorie.

La risposta della Regione non si è fatta attendere. L’Assessore alla Salute Ruggero Razza minaccia querela: “Ne risponderà davanti agli organi competenti di quello che ha detto”.