Coronavirus, il bollettino del 29 agosto: 5.959 nuovi casi di contagio e 37 decessi

Il Ministero della Salute, nella giornata di oggi domenica 29 agosto, ha comunicato i numeri dell’epidemia da coronavirus in Italia tramite bollettino.

Bollettino coronavirus mappa regione
(Ministero della Salute)

Il Ministero della Salute ha diramato il consueto aggiornamento sull’epidemia da coronavirus diffusasi in Italia. Stando al bollettino odierno, i casi di contagio dall’inizio dell’emergenza sono 4.530.246, ossia 5.959 unità in più rispetto a ieri. Salgono anche i soggetti attualmente positivi che ad oggi risultano 141.047 (+1.619), così come i pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva che ammontano a 525 in totale (+14). Le persone guarite sono 4.260.106 con un incremento di 4.298 unità rispetto alla giornata di ieri. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 37 decessi che hanno portato il bilancio delle vittime totale nel nostro Paese a 129.093.

La Regione Friuli Venezia Giulia, si legge nelle note, ha eliminato 2 casi dal totale ed ha riclassificato 1 caso come confermato da test molecolare precedentemente segnalato come confermato da test antigenico. La Provincia Autonoma di Bolzano specifica che 30 dei 53 nuovi positivi derivano da test antigenici successivamente confermati da test molecolare. La Puglia segnala che alcuni casi confermati da test antigenico, essendo stati successivamente confermati da test molecolare, sono stati riclassificati tra quest’ultimi. Infine, la Regione Sicilia ha comunicato che i decessi dichiarati oggi si riferiscono ai giorni precedenti.

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di sabato 28 agosto

Secondo il bollettino pubblicato ieri, nel nostro Paese le persone positive al virus dall’inizio dell’emergenza sanitaria erano 4.524.292.

Coronavirus
(Getty Images)

Aumentavano i soggetti attualmente positivi che nella giornata di ieri erano 139.428. Il dato dei guariti giungeva a 4.255.808. Stabili, invece, i ricoveri in terapia intensiva che ammontavano a 511. Purtroppo saliva ancora il bilancio dei decessi giunto a 129.056.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid, il bollettino del 28 agosto: i dati della pandemia in Italia

Coronavirus, bollettino: i numeri del Covid-19 in Italia nella giornata di venerdì 27 agosto

Stando ai dati diramati nella giornata di venerdì, i casi di contagio complessivi erano 4.517.434. In crescita anche i soggetti attualmente positivi pari a 138.118, così come i pazienti ricoverati in terapia intensiva che ammontavano a 511 in totale. I guariti dall’inizio dell’emergenza erano 4.250.314. Purtroppo si aggravava ancora il bilancio delle vittime nel nostro Paese giunto a 129.002.

PER APPROFONDIRE LEGGI QUI —> Covid-19, il bollettino del 27 agosto: 7.826 nuovi casi e 45 vittime

Covid, possibile azione legale delle famiglie nei confronti di una Rsa

Le famiglie di alcune persone morte a causa del Covid mentre erano ospiti di una Rsa di Canicattì avrebbero preso contatti con alcuni avvocati. Il motivo? Presentare una class action per i fatti occorsi.

A riportarlo il Giornale di Sicilia che però precisa come, al momento, i legali starebbero ancora valutando la documentazione in possesso dei possibili clienti.

La struttura veniva presentata come sicura, eppure alcuni familiari delle vittime non la vedono proprio in questo modo, considerato che nell’Rsa c’erano alcuni anziani addirittura vaccinati che poi sarebbero stati contagiati ed infine deceduti. Decorsi di questo genere avrebbero spinto, quindi, i cari di chi ormai non c’è più a chiedere spiegazioni al ricovero. Non è certo se questa class action verrà intrapresa, attualmente sarebbero in corso di valutazione, da parte degli avvocati, i presupposti per attivare l’azione.

Torino, sospesi medici no-vax: il provvedimento

Arriva da Torino la notizie delle prime sospensioni a quel personale sanitario che ha deciso di non vaccinarsi contro il Covid-19. Sarebbero 6 i medici sottoposti al provvedimento giunto all’esito di una verifica da parte dell’Asl competente. All’interno della nota si legge che l’atto determina, riporta l’Ansa, la sospensione del medico di svolgere attività che implichino il suo contatto con altri soggetti e che comporti un rischio di contagio. A commentare l’accaduto il presidente dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Torino Guido Giustetto. A suo avviso tale posizione assunta dai colleghi colliderebbe sia con le evidenze scientifiche, riferisce Ansa, sia con il loro codice deontologico secondo cui un medico deve sempre garantire il paziente. Giustetto ha chiosato affermando: “Esiste il diritto a non vaccinarsi? Bene, allora i colleghi che non vogliono farlo dismettano il camice e si dedichino ad un altro lavoro”.

Sicilia, da lunedì 30 agosto zona gialla: cosa cambia

Dopo settimane in cui la Sicilia era riuscita a scansare la zona gialla, purtroppo i numeri hanno decretato la sentenza. Da lunedì 30 agosto l’Isola sarà collocata in uno scenario di maggior rischio. A deciderlo il Ministero della Salute all’esito dell’ultimo monitoraggio. Attraverso un’ordinanza firmata venerdì è stato stabilito che almeno per i prossimi 15 giorni la Sicilia rimarrà in zona gialla.

A cambiare rispetto al quadro precedente, in primis l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. Quanto ai ristoranti, bar ed affini, invece le regole cambiano in ordine al numero massimo di clienti ospitabili all’interno di un tavolo: fissato nel numero massimo di 4 sia all’esterno che all’esterno se si tratta di non conviventi. Diverso il discorso se invece sono soggetti che coabitano sotto lo stesso tetto. In questo caso non vi sono limiti.

Invariate le misure circa l’attività di controllo del Green Pass che resta la medesima. Diminuisce poi la capienza massima per teatri, cinema e stadi.