Allevatore ucciso a colpi d’arma da fuoco in un terreno: indagini in corso

Un allevatore di 67 anni è stato ucciso a colpi di fucile nella serata di ieri a Noragugume, in provincia di Nuoro: in corso le indagini sull’omicidio.

Carabinieri
Carabinieri (ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Omicidio a Noragugume, in provincia di Nuoro. Un allevatore di 67 anni è stato assassinato a colpi d’arma da fuoco nel suo terreno di campagna. Il corpo esanime è stato trovato da altri allevatori che hanno immediatamente allertato le forze dell’ordine. I carabinieri stanno ora indagando per ricostruire la dinamica del delitto e rintracciare i responsabili. Al momento la pista più accreditata è quella secondo la quale il 67enne sia l’ennesima vittima della faida iniziata nel paese del nuorese durante gli anni Novanta.

Nuoro, allevatore di 67 anni ucciso a fucilate in un terreno: indagano i carabinieri

Nella serata di ieri, giovedì 2 settembre, un uomo è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco in un terreno, sito sulla provinciale 33 nel territorio di Noragugume, piccolo comune in provincia di Nuoro.

Carabinieri rinviano a giudizio
Carabinieri (Getty Images)

La vittima è Luigi Cherchi, allevatore di 67 anni. L’uomo, stando alle prime ricostruzioni, come riporta la redazione del quotidiano locale La Nuova Sardegna, sarebbe stato raggiunto nei pressi della sua azienda e freddato con alcuni colpi di fucile. Alcuni allevatori di passaggio hanno visto il corpo dell’uomo riverso a terra ed hanno lanciato l’allarme.

Leggi anche —> Lite per una grigliata in cortile sfocia nel sangue: ragazzo ucciso a colpi di pistola

Presso il terreno sono arrivati i carabinieri della compagnia di Ottana ed i colleghi di Nuoro. I militari dell’Arma hanno rinvenuto il cadavere del 67enne vicino la sua auto. Sono scattate, dunque, le indagini per rintracciare i responsabili e risalire al movente dell’omicidio.

Leggi anche —> Morto in casa da diversi giorni: il cadavere dilaniato dai suoi cinque cani

Al momento, scrive La Nuova Sardegna, l’ipotesi più accreditata è quella secondo la quale Cherchi possa essere un’altra delle vittime della sanguinosa faida che è iniziata negli anni novanta. Tra queste anche i fratelli del 67enne, Giuseppe e Salvatore, uccisi nel 1998.

Carabinieri
Carabinieri (Getty Images)

Non è chiaro se il delitto consumatosi nella serata di ieri possa essere collegato a quello di Mauro Antonio Carai, allevatore 74enne di Orune, assassinato a coltellate nei pressi del suo podere nella serata di sabato scorso.