Muore la testimonial della lotta al Covid Martina Luoni

E’ mancata la ventisettenne Martina Luoni, la giovane paziente oncologica che era stata testimonial nella lotta al Covid nella regione Lombardia 

Muore Martina Luoni
Martina Luoni (screenshot da Facebook)

Non ce l’ha fatta Martina Luoni, la ventisettenne afflitta da ben quattro anni da una malattia che non le ha lasciato scampo. “La leonessa” – come era definita – ha purtroppo perso la sua battaglia contro il cancro. A lei vanno anche le parole del presidente della regione Lombardia Attilio Fontana.

Stento ancora a crederci. Martina Luoni ci ha lasciati” – così si è espresso Fontana sul suo profilo Facebook – “la giovane di Solaro che ha contribuito in maniera convinta e importante a sostenere la nostra campagna per contrastare il Covid. La malattia che l’affliggeva da tempo purtroppo ha avuto il sopravvento”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Malore mentre scatta un selfie: turista muore sotto gli occhi della moglie

Muore Martina Luoni, la ventisettenne di Solaro

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gianluca Comazzi (@gianluca.comazzi)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Grave incidente ad un incrocio: morto un colonnello dell’Aeronautica

Martina Luoni era da tempo malata ma, quanti la conoscevano, la ricordano come una vera e propria combattente, sebbene negli ultimi tempi avesse manifestato segni di cedimento. Sul suo profilo Instagram, infatti, aveva espresso la propria stanchezza; stanchezza nei confronti della malattia e di tutto quel che ne derivava.

Martina era conosciuta soprattutto per il suo video che, in piena pandemia, aveva lanciato per denunciare la situazione difficile che vivevano i pazienti oncologici come lei, costretti a subire i rallentamenti degli ospedali ormai al collasso a causa dei pazienti affetti da Covid.

Il suo messaggio spinse la regione Lombardia, che lo scorso 28 maggio le aveva consegnato il riconoscimento Rosa Camuna, a chiederle di fare da testimonial contro il Covid, al fine di invitare le persone a seguire le norme di comportamento necessario per proteggersi dal virus ed evitare, di conseguenza, di intasare gli ospedali.

Con quel video Martina aveva raggiunto milioni di italiani. Anche oggi sono in tantissimi, oltre ai suoi familiari, a ricordarla sui social.