Identità digitale: quando e per cosa sarà obbligatoria

Novità in arrivo per gli utenti, da ottobre l’accesso online per l’Agenzia delle Entrate è valido solo con Spid, Cie e Cns

identità digitale
Spid (StartupStockPhotos da Pixabay)

Impossibile negarlo, siamo ormai nel bel mezzo dell’era digitale e tutti siamo dipendenti al web che ci accompagna quotidianamente. L’ultima novità dell’anno riguarda lo Spid, il Cie e il Cns. Chi vorrà accedere online all‘Agenzia delle Entrate dovrà possedere una di queste identità digitali.

Dal 1° ottobre sarà obbligatorio, lo ha annunciato la diretta interessata e sul sito si legge: “La dismissione di username e password Fisconline, avverrà alla mezzanotte del 30 settembre 2021”.

GUARDA QUI>>>“Meravigliosa creatura” Valentina Ferragni senza veli: che sguardo afrodisiaco – FOTO

Spid, Cie e Cns: cosa sono? I dettagli dell’identità digitale

identità digitale
(StartupStockPhotos da Pixabay)

GUARDA QUI>>>Federica Pellegrini, lenzuola disfatte e “calma apparente”. La quiete in camera prima della tempesta – FOTO

Per tutti gli utenti non mancheranno novità e per i più anziani questi cambiamenti porteranno a grandi difficoltà. Ma prima di arrivare impreparati perché non scoprire tutti i dettagli riguardo allo Spid, il Cie e il Cns?

In primo luogo, Spid è un sistema che dà all’utente la possibilità di navigare sul web in modo trasparente e tutelato. Per usufruirne bisognerà creare un’identità digitale, cioè un codice che servirà ogni volta si voglia entrare su determinati siti. Attraverso Spid sarà possibile richiedere anche il Green Pass, sia sul sito della regione che sull’applicazione Io.

La Cie, acronomo di Carta d’identità elettronica, è uno strumento di identità digitale riconosciuto in tutta Europa che consente al cittadino di entrare in siti della pubblica Amministrazione. Attraverso tale codice, gli utenti potranno accedere in internet direttamente dalla propria abitazione, senza recarsi negli appositi uffici.

La Cns, Carta nazionale dei servizi, consente l’utilizzo dei servizi della pubblica amministrazione. Essa non richiede la foto e alcuni requisiti da parte del titolare, come invece avviene per gli altri strumenti di identità.

vicini rubano internet
Lavoro al computer (Pixabay)

L’attesa sta per finire e a fine settembre la maggior parte dei siti avranno bisogno di un’identità digitale. Il grande passo sarà fatto anche dall’Inps e dall’Inail sempre a partire dal 1° ottobre.