Addio Alitalia: in arrivo il bando di cessione del marchio, chi potrà accedervi

Alitalia pubblica il bando per la cessione del brand, in arrivo tutti i dettagli di questo cambiamento importante

alitalia
Alitalia (Getty Images)

I viaggiatori dovranno dire addio una volta per tutte ad Alitalia, la compagnia aerea italiana che per anni ha accompagnato milioni di turisti in posti strepitosi ed è stata una dei maggiori marchi di sempre.

Eleganza, stile e classe, l’hanno sempre contraddistinta. Quelle divise e quella comodità in aereo non si scordano facilmente. Alitalia ha fatto la storia degli aerei italiani, ma adesso è arrivata l’ora della trasformazione.

A quanto pare però da anni le cose sono cambiate e il brand è entrato in una crisi da cui non è stato in grado di uscire vittorioso. Cosa fare? In arrivo il bando per la cessione del marchio.

GUARDA QUI>>Claudia Rivelli. Arrestata a Roma la sorella di Ornella Muti. L’accusa gravissima

Alitalia pubblica il bando: i dettagli

alitalia
(Getty Images)

GUARDA QUI>>Iss, monitoraggio settimanale confortante: i dati mostrano un miglioramento

L’amministrazione dell’Alitalia ha pubblicato su i vari giornali la notizia dell’arrivo del bando per la cessione del marchio, così i diretti interessati potranno avere maggiori informazioni al riguardo.

“Nell’ambito della procedura di amministrazione straordinaria di Alitalia Sai, i commissari straordinari intendono procedere alla cessione del brand ‘Alitalia – c’è scritto – gli esiti  saranno sottoposti al Ministero dello Sviluppo Economico e diventeranno efficaci e definitivi solo successivamente al rilascio da parte del Mise della prescritta autorizzazione, anche tenuto conto della congruità del prezzo offerto”.

Inoltre è fondamentale che il concorrente si impegni a non usare il brand in modo difforme alla legge o all’ordine pubblico, non utilizzare il marchio per poter recare danno all’immagine di un qualunque Stato membro dell’Unione Europea, in ambito economico, culturale, turistico e trasportistico.

Poi chi vorrà partecipare dovrà presentare oltre che all’offerta vincolante anche un cauzione di quaranta milioni.

aeroporto
(Getty Images)

Intanto è iniziato il countdown per l’arrivo di Ita, mancano ventotto giorni e il 15 ottobre è la data prevista per i voli della nuova compagnia aerea. La nuova società è ancora alla ricerca di personale, ci sono circa 2800 operatori che stanno in standby a causa dei contratti convenzionati.