Claudia Rivelli. Arrestata a Roma la sorella di Ornella Muti. L’accusa gravissima

Claudia Rivelli, attrice e modella di fotoromanzi molto attiva negli anni ’70, nota per essere la sorella di Ornella Muti, è stata arrestata a Roma. I dettagli sconvolgenti

 Claudia Rivelli arrestata
Ornella Muti e Claudia Rivelli – Instagram

Gli agenti della polizia aeroportuale di Fiumicino hanno arrestato Claudia Rivelli, sorella della famosa attrice Ornella Muti, per detenzione di droga in seguito alle indagini riguardo un pacco sospetto che sarebbe stato presso l’abitazione della donna.

Claudia Rivelli, classe 1950, è stata una modella di fotoromanzi molto attiva soprattutto durante gli anni’70. Nella sua carriera è apparsa anche in diversi spot pubblicitari di “Carosello”. Nel 1974 ha sposato Paolo Leone, figlio dell’ex presidente della Repubblica Italiana Giovanni Leone. Ha due figli: Luca Maria e Giovanni. Quest’ultimo sarebbe coinvolto nella attuale vicenda giudiziaria.

Leggi anche —> Frontale tra due auto sulla strada statale: morto un agente di polizia di 52 anni

Claudia Rivelli: la vicenda giudiziaria che ha coinvolto la sorella di Ornella Muti. La sua spiegazione

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Naftaleena (@naftaleena)

“Lo uso per pulire l’argenteria e mio figlio lo usa per lavare la macchina. Infatti questo pacco dovevo spedirlo a lui che al momento abita a Londra”. Queste sarebbero le parole che Claudia Rivelli, sorella maggiore dell’attrice Ornella Muti, avrebbe detto per giustificarsi dall’accusa di detenzione di droga.

La donna, oggi 71enne, ha ricevuto un pacco proveniente dall’estero presso la sua abitazione a Roma. Al suo interno vi sarebbe stato un grosso quantitativo di Gbl (tre flaconi da un litro), altresì conosciuta come droga dello stupro. 

Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Messaggero, Claudia Rivelli era convinta che la sostanza fosse semplice detersivo, almeno così si sarebbe giustificata in tribunale. “La usavo per pulire l’argenteria e una delle due auto di mio figlio che è rimasta a Roma. Quelle bottiglie le ha ordinate lui su internet, io non sono capace” – avrebbe riferito al magistrato. La Rivelli avrebbe poi proseguito affermando: “Una la dovevo mandare a lui perché gli serviva in Inghilterra, dove è legale, l’altra arrivata a casa era un ordine che aveva fatto partire lui in aggiunta, perché il primo non lo consegnavano. Un flacone, poi, io lo tengo sempre a casa per fare le pulizie insieme alla domestica”.

Leggi anche —> Malore durante un’immersione in mare: morto ragazzo di 20 anni

Il figlio in questione è il suo secondogenito Giovanni, nato dal matrimonio con Paolo Leone, suo ex marito e difensore legale.

Claudia Rivelli arrestata
Claudia Rivelli – Instagram

Il giudice incaricato, Valentina Valentini, ha convalidato l’arresto ma ha disposto il suo ritorno in libertà dal momento che la donna non ha precedenti penali. Il pubblico ministero Mario Pesci aveva chiesto gli arresti domiciliari. A febbraio si terrà la prima udienza del processo a carico della Rivelli.