Dramma nel napoletano: bimbo di 4 anni cade dal balcone e muore

La tragedia si è consumata questo venerdì (17 settembre) in via Foria: inutile la corsa in ospedale, il piccolo non ce l’ha fatta.

Omicidio Verona morta 27enne pozza sangue dettagli
Ambulanza (Foto di Alexander Heeb da Pixabay)

Dramma nel napoletano, dove un bimbo di 4 anni è morto cadendo dal terzo piano di una palazzina. Lo ha riferito ieri Napoli Today. Secondo quanto riporta la fonte ufficiale, la tragedia si è consumata in tarda mattinata di venerdì 17 settembre, intorno alle 12:00. Il piccolo, S.G. di nazionalità italiana, è precipitato dal balcone di uno stabile a via Foria, nel centro storico della città, in prossimità dell’ex caserma Garibaldi, sede dell’Ufficio del Giudice di Pace.

NON PERDERTI ANCHE >>> Tragedia sulla pista dei go kart: ragazzo muore sotto gli occhi degli amici

Fermato il domestico: il sospetto soffrirebbe di problemi psichici

Ospedale
(Cezary Paweł – Pixabay)

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Claudia Rivelli. Arrestata a Roma la sorella di Ornella Muti. L’accusa gravissima

I primi a lanciare l’allarme sono stati i passanti. Inutile la corsa in ospedale: il piccolo non ce l’ha fatta ed è stato dichiarato morto dal personale medico poco dopo il suo arrivo al Vecchio Pellegrini. Stando alle prime ricostruzioni, il bimbo sarebbe precipitato da una ventina di metri dal balcone di casa sua; un palazzo ubicato tra via Foria e Via Cagnazzi, in una traversa della trafficata arteria stradale partenopea via Giuseppe Piazzi.

“Una tragedia enorme. Inaccettabile la morte del piccolo Samuele, 4 anni, poche ore fa caduto dal balcone di casa sua in un palazzo tra via Foria e Via Cagnazzi. Nella terribile solitudine del dolore dei familiari, non possiamo fare altro che stringerci come comunità. Gli inquirenti sono sul posto per ricostruire la dinamica. Che la terra ti sia lieve piccolo.”, riporta il post Facebook di Ivo Poggiani, presidente della III municipalità di Napoli.

Ancora sconosciute le dinamiche esatte dell’accaduto. In merito la Procura di Napoli ha annunciato l’avvio all’inchiesta. Fermato il domestico. Stando a quanto si evince dalle informazioni riportate, l’indagato, 38 anni, è molto conosciuto nel quartiere e lavorava saltuariamente nella palazzina, così come in altre abitazioni in zona. Nonostante soffrisse di problemi psichici (Tgcom24), diverse famiglie si fidavano di lui. I testimoni lo hanno descritto come una persona molto riservata e chiusa di carattere.

Si apre un'inchiesta sul caso Lionello
(Photo by Marco Di Lauro/Getty Images)

Dolore all’esterno del Vecchio Pellegrini, dove si erano riuniti i familiari del piccolo in attesa di notizie.

Fonte Napoli Today