Instagram è tossico per i giovani: il progetto Zuckerberg fa paura

Stop Instagram: deleterio per la salute mentale. L’appello arriva dai difensori dei diritti dell’infanzia: alto rischio per i giovanissimi.

Facebook
(Getty Images)

“Lanciare una versione di Instagram per gli under 13 non è il rimedio giusto e metterebbe a grave rischio i giovani utenti.”, l’appello arriva da un’associazione no profit di professionisti difensori dei diritti dell’infanzia. Gli attivisti avevano inviato lo scorso 15 aprile una lettera a Mark Zuckerberg, co-fondatore di Facebook e proprietario di Whatsapp e Instagram, chiedendogli di abbandonare quanto prima il nuovo progetto della più trafficata rete social. La popolare piattaforma di condivisione di foto e video richiede attualmente un’età minima di 13 anni per registrarsi.

NON PERDERTI ANCHE >>> Sottomarini australiani: triplo schiaffo per Macron e la Francia

Bocciata la versione controllata: ancora alto rischio per l’infanzia

Clubhouse: nuovo social basato sugli audio
Cuffie telefono (Foto di Firmbee da Pixabay)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> AUKUS, il patto che fa infuriare la Cina: di cosa si tratta

“Sebbene la raccolta dei dati e il mantenimento di una nuova generazione di utenti su Instagram rappresenti un potenziale bene in termini di profitto per Facebook; d’altra parte è anche altamente probabile che si registri un incremento dell’utilizzo della piattaforma da parte di bambini piccoli, particolarmente vulnerabili alle dinamiche del social network, basate sulla manipolazione e sulllo sfruttamento.”, così è siglata la lettera degli attivisti della Campagna per l’infanzia senza pubblicità (Campaign for a commercial-free childhood – CCFC), l’unica organizzazione degli Stati Uniti dedicata a limitare l’impatto della cultura commerciale sui minori.

La risposta di Facebook non è tardata: “Abbiamo appena iniziato a esplorare una versione di Instagram dedicata agli adolescenti.” – ha riferito la portavoce Stephanie Otway – “Siamo d’accordo che la piattaforma debba dare priorità alla sicurezza e alla privacy dei minori. Pertanto ci consulteremo con esperti dello sviluppo infantile per garantire sicurezza ai bambini e alla loro salute mentale.” Stando alle sue dichiarazioni, qualsiasi comunicazione pubblicitaria o sponsor sarà escluso nella nuova versione per i minori. Il progetto è stato confermato anche dalla leader delle politiche pubbliche di Instagram, Karina Newton: la società sta cercando il modo migliore modi per indirizzare gli utenti a contenuti differenti e più salutari.

L’idea della nuova versione per bambini non è stata accolta dai gruppi democratici, i quali hanno chiesto spiegazioni al CEO di Facebook. Insieme alla lettera dello scorso mercoledì, il Senato ha annunciato l’avvio all’inchiesta: “i senatori sono in contatto con un portavoce del social network americano e utilizzeranno ogni risorsa a disposizione per portare a termine l’indagine.”

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg (Getty Images)

La lettera indirizzata a Mark Zuckerber invita il co-fondatore di Facebook ad abbandonare il piano riguardante il lancio della futura versione di Instagram per bambini.

Fonte CNBC