Pennelli viso, ogni forma il suo utilizzo: scopriamo quelli essenziali

Uno dei segreti per un perfetto make-up è saper usare i pennelli. Sono numerosissimi ed ognuno ha la sua funziona. Scopriamoli insieme.

Pennelli make up, come usarli
Pennelli per il make up (Pixabay)

Il pennello è sicuramente uno degli accessori che meglio garantisce un trucco impeccabile. Ecco perché il segreto sta nel comprare solo quelli di qualità, il pennello perfetto è quello in peli naturali o sintetici mentre l’impugnatura si presenta perlopiù in acero o ciliegio.

Prima di acquistare, come capire se un pennello è di buona qualità? Esiste un trucchetto facile e veloce: impugnare il pennello e passarlo sul dorso della mano, se i peli seguono l’andamento del pennello vuol dire che è di buona qualità. Setole fitte e peli non troppo lunghi sono il segreto per avere degli strumenti ad hoc per il make-up.

LEGGI ANCHE>>>“Ai folli la bellezza dell’infinito”, Antonella Mosetti sguardo penetrante, curve sinuose e perfette: che fisico – FOTO

Pennelli, ciascuno il suo utilizzo

Pennelli make up cosa c'è da sapere
Sessione di make up (Pixabay)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> “Altro che Pio e Amedeo”: annunciata la nuova serie “The Ferragnez” – il VIDEO

Pennello per la base o per il fondotinta: pennello dalle setole piatte, a lingua di gatto. Una dimensione non spropositata in quanto deve favorire l’applicazione del fondotinta su tutto il viso, anche zone meno agevoli come il naso.

Il pennello tondo è tra quelli più conosciuti. Adatto per il make-up fluido e prodotti in crema. Per un’ottimale applicazione, si consiglia sempre di non fare troppa pressione durante la fase del trucco in modo da favorire solo le setole più lunghe che entrano in contatto col viso. Perfetto per cipria e blush.

Pennello per cipria, si distingue subito dagli altri in quanto più grande e rotondo. Adatto per la cipria sia in polvere che compatta. Ovviamente, prima di applicare il prodotto sul viso, accertarsi che l’eccesso venga rimosso scrollando il pennello.

Pennello per blush: dalle setole non troppo lunghe. La forma delle setole a palla, quindi arrotondate per favorire meglio l’applicazione del prodotto.

Pennello per le ombre: setole corte e leggermente oblique per favorire il trattamento sotto lo zigomo.

Infine per chi usa l’illuminante, vi è l’apposito pennello dalla forma arrotondata, ideale per i prodotti in polvere.

Pennello per correttore: lo si riconosce subito, è ancora più stretto di quello per il fondotinta e sempre a lingua di gatto. Così come quello per nascondere le piccole imperfezioni della pelle, come brufoli e punti neri.

Come si può ben vedere insomma, sono tantissimi i pennelli viso disponibili in commercio. In aggiunta a questi ci sono quelli per il make up occhi, labbra e sopracciglia. Spesso in aggiunta ai pennelli ci sono le spugnette ed i piumini. Le prime, disponibili sia in lattice che non, entrambe da usare bagnate per avere un risultato più omogeneo ed uniforme.

pennelli trucco viso, cosa c'è da sapere
Pennelli make up (Pixabay)

Il piumino in velluto per la cipria è da sempre una chicca del make-up. Ideali per chi presenta una pelle grasse o oleosa, merito del suo effetto opacizzante. Da lavare regolarmente, a mano o in lavatrice con sapone di Marsiglia.