Si immerge per una battuta di pesca: morto imprenditore di 55 anni

Nel pomeriggio di ieri, un imprenditore di 55 anni è deceduto nel corso di un’immersione nelle acque di Kartibubbo, spiaggia di Campobello di Mazara (Trapani).

Guardia Costiera
Guardia Costiera (Riccardo Arata – Adobe Stock)

Un uomo di 55 anni ha perso la vita durante un’immersione nelle acque antistanti la spiaggia di Kartibubbo a Campobello di Mazara, in provincia di Trapani. Il sub si era immerso per pescare nel pomeriggio di ieri, ma non è più tornato in superfice, circostanza che ha fatto scattare l’allarme dei familiari. Presso lo specchio d’acqua sono arrivati gli uomini della Guardia Costiera e i sommozzatori dei vigili del fuoco che hanno avviato le ricerche, conclusesi qualche ora dopo con il ritrovamento del corpo ormai senza vita del 55enne.

Trapani, si immerge per una battuta di pesca: morto imprenditore di 55 anni

Tragedia nel pomeriggio di ieri nelle acque di Kartibubbo, spiaggia di Campobello di Mazara, comune in provincia di Trapani.

Vigili del fuoco
(Getty Images)

Un uomo, Giovanni Marino, imprenditore 55enne di Strasatti, frazione di Marsala, è deceduto nel corso di una battuta di pesca subacquea. Stando a quanto riporta la redazione del quotidiano locale Il Giornale di Sicilia, il 55enne nel pomeriggio di ieri, domenica 19 settembre, si era immerso in mare per pescare, ma non è più riemerso. I familiari hanno, dunque, lanciato l’allarme chiamando i soccorsi.

Leggi anche —> Malore durante un’immersione in mare: morto ragazzo di 20 anni

Sul posto si sono precipitati gli uomini della Guardia Costiera, i sommozzatori dei vigili del fuoco e alcuni diportisti che hanno dato il via alle ricerche. Purtroppo, dopo qualche ora, le squadre hanno rinvenuto il corpo senza vita dell’imprenditore che è stato portato a riva. Sul cadavere, scrive Il Giornale di Sicilia, una ferita.

Leggi anche —> Precipita da una struttura del cimitero: morta una donna di 66 anni

La Procura della Repubblica di Marsala che si è occupata del caso ha disposto la restituzione della salma ai familiari non disponendo altri accertamenti. Gli investigatori, i quali inizialmente avevano ipotizzato che l’uomo potesse essere stato colpito da un’imbarcazione durante l’immersione, hanno escluso il coinvolgimento di terzi.

Guardia Costiera
Guardia Costiera (Carlo Toffolo – AdobeStock)

Diffusasi la tragica notizia, nelle ultime ore, sono stati numerosi i messaggi di cordoglio apparsi sui social network per la famiglia di Giovanni Marino.