Studente scomparso da due giorni: ritrovato il corpo nel fiume

Ieri pomeriggio, i sommozzatori hanno rinvenuto nel fiume Brenta il corpo senza vita dello studente di 18 anni scomparso da due giorni da Cadoneghe (Padova).

Carabinieri
Carabinieri (marcodotto – Adobe Stock)

Si sono concluse tragicamente le ricerche dello studente di 18 anni, scomparso da sabato da Cadoneghe, in provincia di Padova. Le squadre di soccorritori hanno rinvenuto il corpo del giovane nel fiume Brenta nel tardo pomeriggio di ieri. L’ipotesi più accreditata al momento è quella di un gesto volontario da parte del 18enne che, poco prima di svanire nel nulla, aveva inviato un messaggio dal contenuto preoccupante ai suoi amici.

Padova, studente 18enne scomparso da due giorni: ritrovato il corpo nel fiume Brenta

Nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 20 settembre, è stato ritrovato il corpo senza vita di Henry Amadasun, lo studente di 18 anni di origini nigeriane scomparso da due giorni da Cadoneghe, comune in provincia di Padova.

Vigili del fuoco
(Getty Images)

Il giovane Henry, secondo quanto riportano i quotidiani locali e la redazione di Today, sabato sera avrebbe inviato ai suoi amici, con i quali aveva appena trascorso una serata, un messaggio scrivendo: “Non me ne vogliate, non so se ci rivedremo ancora, vi voglio bene per sempre“. Leggendo quelle parole, gli amici hanno fatto scattare l’allarme. Sono, dunque, scattate le ricerche per ritrovare lo studente alle quali hanno preso parte i carabinieri, i vigili del fuoco e i volontari della protezione civile che, mentre setacciavano la zona, hanno ritrovato la bicicletta del 18enne vicino all’arena di Cadoneghe.

Leggi anche —> Si immerge per una battuta di pesca: morto imprenditore di 55 anni

Le squadre, riporta Today, domenica hanno deciso di scandagliare le acque del fiume Brenta, dove ieri sera è stato rinvenuto il cadavere del ragazzo, che sarebbe deceduto per annegamento.

Leggi anche —> Precipita da una struttura del cimitero: morta una donna di 66 anni

Ora sono in corso gli accertamenti per chiarire la dinamica dell’accaduto. Al momento gli inquirenti ipotizzano che possa essersi trattato di un gesto volontario da parte di Henry.


Il tragico ritrovamento ha gettato nello sconforto l’intera comunità del comune del padovano, il cui sindaco, Marco Schiesaro, sulla propria pagina Facebook ha scritto: “Dentro di me un grande silenzio. Tutta Cadoneghe si stringe a mamma Clara e a tutti i familiari di Henry Amadasun e ne piange la prematura scomparsa”.