Cinque militari morti e tre feriti nell’attacco al nord della città

Secondo quanto riportano le fonti ufficiali, i soldati sono caduti in un’imboscata con dell’esplosivo in una zona rurale di Puerto Libertador.

soldati
Soldati (Getty Images)

Tensione a Puerto Libertador, nel nord della Colombia, dove un’unità militare è stata vittima di un’imboscata con del materiale esplosivo. L’attacco, compiuto da uomini armati, è avvenuto in una zona rurale nel dipartimento settentrionale di Córdoba. Secondo quanto riportano i media locali, la situazione nell’area colpita è ancora delicata in termini di sicurezza e ordine pubblico. Al momento il bilancio provvisorio conta cinque morti e almeno tre feriti.

NON PERDERTI ANCHE >>> Pericolosa fuga di dati dal Regno Unito: svelati 250 nomi di traduttori afgani

Attacco a Juan José: cinque morti e almeno tre feriti

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Canal Montería (@canalmonteria)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Alcol: la soluzione dell’OMS per prevenire 5mila decessi all’anno

Stando a quanto riferisce il comunicato ufficiale dell’Esercito Nazionale citato dal notiziario El Tiempo, cinque soldati hanno perso la vita in un attentato. L’attacco con esplosivo è stato registrato nel pomeriggio di questo martedì (21 settembre) in una zona rurale di Puerto Libertador, nel nord della città di Córdoba. La fonte ufficiale precisa che le vittime erano stanziate tra i comuni di Juan José e La Rica.

La notizia trova conferma nei notiziari colombiani. Stando a quanto si legge nelle dichiarazioni ufficiale citate dai media locali, l’attacco è stato sferzato nella località di Juan José, dove il reparto militare si trovava in servizio per garantire ordine e sicurezza, quando è stato sorpreso da un’imboscata improvvisata da sconosciuti: gli uomini erano armati di esplosivo e impugnavano armi da fuoco. Tra le ipotesi più verosimili avanza quella dell’attentato da membri del Clan del Golfo, conosciuto anche sotto il nome di Clan Úsuga, con il successivo Los Urabeños; o ancora con quello di Autodefensas gaitanistas de Colombia (AGC).

In attività dal 2006 a oggi, l’organizzazione paramilitare colombiana gioca un ruolo strategico nelle dinamiche correlate al narcotraffico e ad altre attività illegali. Tra i promotori del clan si contano diversi ex leader paramilitari provenienti dalle Autodefensas Unidas de Colombia (AUC).

Polizia Colombia
Polizia Colombia (Getty Images)

Il bilancio segna almeno tre feriti: i soldati sono stati trasferiti in aereo al centro sanitario nella città di Montería, capoluogo del dipartimento di Córdoba.

Fonte El Tiempo