Crolla solaio in un cantiere: operaio di 39 anni perde la vita

Un operaio di 39 anni è deceduto nel pomeriggio di ieri a Palmariggi (Lecce) dopo essere stato travolto da un solaio crollato improvvisamente in un cantiere.

Operaio
(PIRO4D – Pixabay)

Ancora una vittima sul lavoro in Italia. Nel tardo pomeriggio di ieri a Palmariggi (Lecce), un operaio di 39 anni è deceduto mentre lavorava alla demolizione del solaio di un garage. La vittima sarebbe stata travolta dal lastrico solare che è improvvisamente crollato. I colleghi hanno subito lanciato l’allarme e sul posto sono arrivati i sanitari del 118 che hanno trasportato il 39enne in ospedale, dove purtroppo, però, il suo cuore ha smesso di battere per le ferite riportate.

Lecce, solaio crolla improvvisamente nel cantiere: morto operaio di 39 anni

Incidente mortale sul lavoro nel pomeriggio di ieri, martedì 21 settembre, a Palmariggi, piccolo comune in provincia di Lecce.

Soccorsi
Soccorsi (pixelaway – Adobe Stock)

A perdere la vita Fabio Sicuro, operaio 39enne di Martano. Sicuro, riporta la redazione locale di Lecce News24, era impegnato nei lavori di demolizione del solaio di un garage con alcuni colleghi. Improvvisamente, il solaio avrebbe ceduto investendo l’operaio. I colleghi, che hanno assistito al dramma, hanno subito estratto dalle macerie il 39enne ed hanno chiamato il numero per le emergenze.

Leggi anche —> Precipita dal balcone dell’albergo: turista muore dopo un volo di tre metri

Presso il cantiere, alla periferia del comune, si è precipitato lo staff medico del 118 che, dopo le prime cure sul posto, ha trasportato d’urgenza l’operaio all’ospedale Veris Delli Ponti di Scorrano. Qui i medici hanno provato a salvargli la vita, ma purtroppo ogni tentativo si è rivelato inutile: il 39enne è deceduto poco dopo l’arrivo al nosocomio per le lesioni riportate nell’incidente.

Leggi anche —> Moto si scontra con un trattore sulla provinciale: Ioan muore a 20 anni

Sul posto sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Bagnolo del Salento ed i tecnici dello Spesal (Servizio Prevenzione e Sicurezza Negli Ambienti di Lavoro) che hanno provveduto agli accertamenti per ricostruire la dinamica della tragedia.

Marcello Colafigli di nuovo in carcere
Carabinieri (Foto di djedj-Pixabay)

Sotto choc la comunità locale che, appresa la notizia, si è stretta al dolore dei familiari dell’operaio, divenuto padre solo pochi mesi fa. Numerosi i messaggi di cordoglio pubblicati sui social network da amici e conoscenti che hanno voluto ricordare Sicuro.