Pdl bis, Berlusconi non esclude il ritorno: nell’alleanza anche Fratelli d’Italia

Silvio Berlusconi, attraverso alcune dichiarazioni, ha aperto ad un nuovo Pdl (Popolo delle Libertà), una coalizione di centrodestra insieme a Lega e Fdi.

Silvio Berlusconi
Silvio Berlusconi (Getty Images)

Silvio Berlusconi avrebbe aperto ad un nuovo Popolo delle Libertà. Una coalizione nata per la prima volta nel 2009 tra Forza Italia, Alleanza Nazionale di Gianfranco Fini ed il partito Cristiano-conservatore, poi “morta” dopo varie tensioni interne. Sarebbe, quindi, giunto il momento per il Cavaliere di rimettere in sesto la macchina di centrodestra questa volta includendovi Lega e Fratelli d’Italia.

Pdl, possibile ritorno alla coalizione di centrodestra: le parole di Berlusconi

Sì a un nuovo Pdl esteso anche a Fdi” queste le dichiarazioni di Silvio Berlusconi, ripresosi dopo un periodo abbastanza delicato.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni (Getty Images)

La sua salute, compromessa da vari acciacchi e dalla sindrome da Long Covid, aveva destato non poche preoccupazioni. Ma il Cavaliere ora si è ripreso, ed è tornato a cavalcare la cresta dell’onda aprendo alla possibilità di una nuova maxi-coalizione del centrodestra.

Leggi anche —> Elezioni, Pd e Forza Italia insieme? Sì, ma ad una condizione

Stando a quanto riporta Il Giornale, Berlusconi, in occasione delle votazioni a Milano sarebbe parso in forma smagliante. Avrebbe atteso all’interno del seggio qualche minuto in più, per concedere a tutti i fotografi di immortalarlo.

Leggi anche —> Centrodestra, chi guiderà la coalizione: è scontro Meloni-Salvini?

Con il suo carisma avrebbe poi stuzzicato i giornalisti presenti, lanciando il sasso della coalizione e aprendo una piccola fessura su quello che è il futuro del centrodestra. “La federazione con Salvini non l’abbiamo messa da parte. Abbiamo soltanto precisato con la Lega – ha affermato il Cav stando a quanto riporta Il Giornaleche occorrerebbe fare un accordo che comprendesse anche Fratelli d’Italia”. Un nuovo Popolo delle Libertà, dunque, che nel 2013 venne sospeso non per “ragioni obbiettive” ha affermato Berlusconi, ma per “il tradimento di uno dei componenti”. Il riferimento era ovviamente a Gianfranco Fini.

Eppure l’idea di un partito unico pare non accarezzi la mente di Giorgia Meloni che sul punto si è sempre mostrata riluttante.

Matteo Salvini
Matteo Salvini (Getty Images)

Berlusconi ha poi sfruttato il momento per nuovamente smentire una frase che gli sarebbe stata attribuita relativamente ad un Salvini o una Meloni Premier. Alcune testate riferirono che il Cav avrebbe risposto “Ma dai, non scherziamo”, creando non pochi imbarazzi. Il leader di Forza Italia ha rimarcato come tali parole non siano mai state pronunciate.