Travolto da una barriera di cemento: operaio di 55 anni perde la vita

Nel tardo pomeriggio di ieri, un operaio è morto dopo essere stato travolto da una barriera di cemento mentre si trovava in un’area vicina al cantiere del Viadotto Ritiro a Messina.

Cantiere
(Michael Gaida – Pixabay)

Un operaio di 55 anni ha perso la vita nel tardo pomeriggio di ieri mentre lavorava in un’area attigua al cantiere autostradale del Viadotto Ritiro a Messina. La vittima, secondo le prime informazioni, sarebbe rimasta schiacciata da una barriera di cemento mentre veniva caricato il jersey su un articolato. Sul luogo dell’incidente sono arrivati tempestivamente i soccorsi che, purtroppo, non hanno potuto far nulla per il 55enne. I carabinieri stanno ora cercando di ricostruire la dinamica dell’accaduto, ancora del tutto da chiarire.

Messina, travolto da una barriera di cemento: operaio di 55 anni perde la vita

Tragedia nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 12 ottobre, a Messina, dove un operaio è deceduto in un incidente sul lavoro.

Ambulanza
Ambulanza (Dmitry Vereshchagin- AdobeStock)

A perdere la vita Salvatore Ada, impiegato 55enne della “Toto Costruzioni”. Secondo quanto ricostruito sino ad ora, come riportano alcune testate locali e la redazione di Repubblica, Ada si trovava in un’area esterna al cantiere autostradale del Viadotto Ritiro ed era impegnato in alcune operazioni di carico del jersey su un autoarticolato. Per cause ancora da determinare, durante queste operazioni, il 55enne sarebbe stato travolto e schiacciato da una barriera di cemento.

Leggi anche —> Sigaretta innesca incendio in un’abitazione: morto un uomo di 60 anni

Immediato l’intervento degli operatori sanitari del 118 sul posto. L’equipe medica, purtroppo, non ha potuto far nulla per l’operaio di cui è stato possibile constatare solo il decesso.

Leggi anche —> Rissa davanti alla stazione sfocia nel sangue: morto ragazzo di 20 anni

Intervenuti anche i carabinieri che ora stanno indagando per chiarire con esattezza la dinamica del tragico incidente. Dai primi riscontri, scrive la redazione di Repubblica, pare che la vittima fosse impegnata in alcune operazioni che non erano strettamente connesse alla costruzione del viadotto.

Carabinieri
Carabinieri (marcodotto – Adobe Stock)

In seguito alla morte di Ada, i sindacati siciliani hanno espresso il proprio cordoglio alla famiglia ed hanno annunciato uno sciopero di otto ore in cantiere.