Tragedia durante la call Zoom: bimbo di 2 anni spara in testa alla madre

Il piccolo ha ucciso la madre sparandole alla testa: la donna stava partecipando a un meeting Zoom con i suoi colleghi.

Polizia Usa
Polizia USA (Getty Images)

Il drammatico evento risale agli inizi di agosto. Sono già passati due mesi dall’annuncio della tragedia; eppure, i residenti di Altamonte Springs, in Florida, restano scioccati per la notizia, a cui ancora oggi difficilmente riescono ad associare un senso. La segnalazione alla polizia locale è risuonata l’11 agosto, data del meeting zoom online tra Shamaya Lynn e i suoi colleghi di lavoro.

NON PERDERTI ANCHE >>> Lituania: ritrovato più di un chilo di chiodi e viti nello stomaco di un paziente

Il marito è stato arrestato: l’accusa di omicidio colposo

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Disastro Cumbre Vieja: distrutti 1400 edifici, sepolti 656 ettari – VIDEO

A lanciare l’allarme è stato proprio un dipendente che ha assistito in diretta alla scena. Il lavoratore ha riferito alle forze dell’ordine di aver sentito un grande rumore, poi “una delle ragazze [presenti nella call online] è svenuta, sta sanguinando. La sua telecamera è accesa; il suo bambino sta piangendo in fondo alla stanza.“, questa è stata la sua testimonianza registrata durante la chiamata ai servizi di emergenza. Accorsa sul posto, la polizia ha ritrovato Veondre Avery, 22 anni, che cercava disperatamente di rianimare sua moglie, 21 anni, esanime a terra in un lago di sangue: la ragazza non ce l’ha fatta ed è stata dichiarata morta sul posto poco dopo l’arrivo dei paramedici.

Stando a quanto si apprende dal comunicato dell’ufficio del pubblico ministero, l’inchiesta ha concluso che l’arma del delitto era stata lasciata incustodita, carica e senza chiusura di sicurezza, in uno zaino per bambini con il logo del cartone animato Paw Patrol, lasciato a terra nella stanza dei genitori. Secondo le ricostruzioni, il bimbo di 2 anni ha afferrato l’arma e colpito la testa della madre, di spalle; impegnata a seguire la videochiamata di insieme agli altri colleghi di lavoro. Lo scorso giovedì 7 ottobre, quasi un mese dopo l’incidente, l’assistente del procuratore distrettuale Dan Faggard ha formalmente accusato Veondre Avery di omicidio colposo per negligenza e mancata conservazione in totale sicurezza della pistola.

Polizia Usa
Polizia USA (Getty Images)

Il ragazzo è stato arrestato questo martedì 12 ottobre.

Fonte NDTV