Terremoto di magnitudo 4.8: almeno 3 morti e 7 feriti

Tre persone sono state uccise e sette ferite questo sabato 16 ottobre: il bollettino del terremoto a Bali riferito dalle autorità locali.

Polizia indonesiana
Polizia indonesiana (Getty Images)

Almeno 3 morti e 7 feriti: è il drammatico bollettino relativo al terremoto che ha scosso Bali, in Indonesia, lo scorso sabato 16 ottobre. Il sisma, registrato con magnitudo 4.8, ha colpito l’isola indonesiana a una profondità relativamente bassa di 10 chilometri a nord-est della città di Banjar Wanasari.

NON PERDERTI ANCHE >>> Anziana 77enne ritrovata decapitata nella sua abitazione

Terremoto a Bali: il bilancio delle vittime non è destinato a salire

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Zac Watson (@watzac)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Spari sui manifestanti a Beirut: almeno 6 morti, 30 feriti

La notizia trova conferma nell’ultima dichiarazione dell’agenzia locale incaricata alle gestione delle catastrofi naturali. Di solito i terremoti poco profondi sono generalmente causano più danni di quelli con epicentri più lontani dalla superficie terrestre: l’Indonesia affronta regolarmente terremoti o eruzioni vulcaniche, a causa della sua posizione di cintura di fuoco attorno al Pacifico, dove le placche tettoniche si scontrano.

Secondo quanto riporta la CNN, il terremoto di sabato 16 ottobre è stato disastroso per le infrastrutture locali. L’informazione collima con l’ultimo comunicato dell’Agenzia regionale per la gestione dei disastri della provincia di Bali (BPBD), la cui fonte parla di edifici totalmente rasi al suolo e strade bloccate dalle frane. I principali danni sono stati localizzati nelle reggenze di Karangasem e Bangli, nella parte orientale dell’isola. Le attività di evacuazione e soccorso sono complesse, specialmente a Karangasem, dove i residenti sono rimasti intrappolati tra le rovine di un edificio.

Il bollettino delle vittime è drammatico: sette persone sono gravemente ferite; mentre i morti contati finora sono tre, uno a Karangaseme e due a Bangli, schiacciati dalle frane causate dal sisma. Fortunatamente il bilancio non è destinato a salire: lo hanno confermato i membri del BOBD, che ha recentemente allertato i residenti su nuove potenziali scosse di assestamento.

polizia indonesiana

L’arcipelago indonesiano resta profondamente segnato dal terremoto del 26 dicembre 2004 di magnitudo 9,1 al largo delle coste di Sumatra: il sisma causò un grave tsunami che uccise 220.000 persone in tutta la regione, di cui circa 170.000 solo in Indonesia.

Fonte CNN