“Un Posto al Sole” cambia orario: la soap opera viene rimpiazzata

Un Posto al Sole è andato in onda la prima volta nel lontano 1996 su Rai Tre alle 18:30. In questi 25 anni l’orario è cambiato, ma qualcosa potrebbe far tornare tutto alle origini 

un posto al sole
un posto al sole screenshot

Era il lontano 1996 quando andò in onda la prima puntata di Un Posto al Sole, e proprio in questi giorni la soap opera ha festeggiato un quarto di secolo. È la soap opera italiana più famosa della televisione italiana, è conosciuta anche in altri Paesi del mondo dove viene seguita assiduamente. All’epoca, quando la soap era agli esordi, andava in onda in tardo pomeriggio alle 18:30. Poi con il tempo è stata spostata nella fascia serale e, nonostante alcune variazioni, è sempre andata in onda più o meno allo stesso orario.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> “Tu Si Que Vales”, duro attacco a Maria De Filippi: interviene Gerry Scotti

Un Posto al Sole compie 25 anni: la Rai però ha in riserbo una sorpresa poco piacevole

Qualcosa però potrebbe cambiare a momenti e di questo i telespettatori non ne sono affatto felici. Il direttore di Rai Tre sta valutando l’idea di inserire un programma sulla politica da mandare in onda alle 20:45 al posto della soap opera. In questo caso, Un Posto al Sole slitterebbe di nuovo all’orario originario, ovvero alle 18:30. Nonostante questo cambio di orario non sia ancora stato confermato, è scoppiata una polemica sul web perché tante persone a quell’ora stanno lavorando e non hanno modo di vedere la puntata. Le 20:45 era perfetto per chi lo guardava a fine giornata, cenando insieme alla propria famiglia. Questa nuova ipotesi non sta riscuotendo molto successo e sono in molti a sperare che l’idea venga archiviata del tutto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Reddito di Cittadinanza, il rifinanziamento nella Legge di Bilancio accende la polemica

Un Posto Al Sole
Un Posto Al Sole (Instagram @unpostoalsolerai3)

UPAS andrebbe in onda prima del TG3 serale, e con molte probabilità finirebbe per appassire perché in molti sarebbero costretti a recuperarlo in seguito su Rai Play.