Allarme Covid-19, Vladimir Putin: “una settimana di ferie ai lavoratori”

La decisione del leader della Federazione Russa mira a prevenire i contagi da coronavirus: le ferie partiranno dal 30 ottobre al 7 novembre.

Vladimir Putin Russia conferenza dicembre
Vladimir Putin durante la conferenza (Getty Images)

Ferie pagate per tutti i lavoratori, per una settimana. Non è uno scherzo, ma un ordine: si tratta dell’ultimo annuncio del presidente Vladimir Putin. Lo scopo? Contenere l’imprevedibilità dell’emergenza virale. Il coronavirus continua a correre nella Federazione Russa, seminando contagi e morte. Ieri, il record delle vittime a causa del SARS-CoV-2. Secondo quanto riportano le stime del Centro Federale di risposta alla pandemia, in un solo giorno sono stati registrati più di mille decessi. La situazione è incontrollabile: lo Stato più vasto del mondo è al momento tra i più fragili, totalmente piegato ai ritmi insostenibili dell’epidemia mondiale.

NON PERDERTI ANCHE >>> Charles Darwin: all’asta uno dei sei microscopi del padre dell’evoluzione

Emergenza Covid-19: ferie pagate per tutti i lavoratori

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Caso Cleo Smith: scomparsa una bimba di 4 anni

Per arginare i casi di contagio, il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin ha ordinato questo mercoledì (20 ottobre) una settimana di ferie per tutti i lavoratori. Secondo quanto si apprende dai notiziari locali, il periodo retribuito avrà luogo dal 30 ottobre al 7 novembre. Lo scopo principale è prevenire l’ennesima ondata mortale di coronavirus. La settimana scelta coincide difatti con le vacanze scolastiche russe, affinché tutta la popolazione, adulti e bambini, possano cooperare per il bene e la salute pubblica.

Di fronte al drammatico bilancio di contagi e decessi nelle ultime 24 ore, il presidente russo ha pertanto dichiarato oggi di sostenere la proposta della vicepremier Tatiana Golikova. Non è la prima volta che il capo della Federazione Russa ordina normative simili: il leader del Cremlino ha già decretato in passato periodi di ferie pagati per proteggere la comunità dall’imprevedibilità della pandemia. Secondo il parere del presidente russo, questa misura è più efficace rispetto all’isolamento forzato, restrizione impopolare che rischia solamente di rallentare la già fragile ripresa economica del Paese.

Le regioni della Federazione Russa con un elevato indice di positività potranno anticipare le ferie già dal 23 ottobre o aggiungere altri giorni, ha precisato il presidente Vladimir Putin. Lavoratori e imprese non devono preoccuparsi: qualsiasi perdita sarà presto ricompensata. L’ultima raccomandazione ai residenti resta l’invito alla vaccinazione; per raggiungere quanto prima l’immunità di gregge. Chi riceve la prima o la seconda dose ha diritto a due giorni di riposo retribuiti, secondo quanto riportano le dichiarazioni ufficiali dei vertici. Il periodo di pausa è obbligatorio anche per chi ha recentemente registrato un caso di contagio nel proprio nucleo familiare.

Vladimir Putin
Vladimir Putin (Getty Images)

Nella Federazione Russa sono stati registrati 1.015 decessi legati al coronavirus nelle ultime 24 ore; 998 nel giorno precedente. Il bilancio complessivo delle vittime nel Paese sale a 225.325.

Fonte The Guardian