Gabriele Muccino, è tutta colpa della famiglia: come sarebbe senza di loro

Gabriele Muccino presenta “A casa tutti bene”, la serie ispirata all’anonimo film del 2018: le dinamiche familiari sono problematiche e al centro di tutto.

Gabriele Muccino
Gabriele Muccino (GettyImages)

“A casa tutti bene – La serie” è la nuova produzione firmata Gabriele Muccino, prevista su Sky Atlantic e Now Tv a partire dal prossimo dicembre. L’opera è stata presentata alla sedicesima edizione del Festival del Cinema di Roma, classificandosi tra i “prodotti top” di Sky Originals. Ispirata all’omonimo film del 2018 la serie conta otto episodi e racconta i retroscena della famiglia protagonista del film. “Impossibile abbandonarla su quell’isola con un finale severo e implacabile che era più una fuga” ha spiegato il regista. “Questa idea è arrivata a me e al cast di allora già mentre realizzavamo il film. Portiamoli a casa, nella loro vita quotidiana a Roma, mi sono ripromesso”. 

Potrebbe interessarti leggere anche —> Francesca Neri e la confessione dopo la malattia: “Adesso no”

Gabriele Muccino presenta “A casa tutti bene – La serie”

Gabriele Muccino
Gabriele Muccino (Gettyimages)

Potrebbe interessarti leggere anche —> “Ballando con le stelle”. Selvaggia Lucarelli e Morgan: cosa c’è tra i due? Il passato è turbolento

Sebbene il cast non sia lo stesso protagonista del film, Muccino ha spiegato che la sostanza non è poi così diversa. “Non volevo cambiare il linguaggio che uso per il cinema, e per questo non potevo adottare un filmmaker diverso da me […] Forse qualcosa di diverso c’è […] ma nella messa in scena non si distingue il cinema dalla tv” ha raccontato il regista durante una recente intervista. Al centro della trama resta, ovviamente, la famiglia, con tutti i suoi problemi interni e le conseguenze che questi possono avere sulla società. “Se la famiglia avesse possibilità di coesioni e unità di intenti, e se l’armonia fosse il suo comune denominatore, probabilmente vivremmo in una società senza conflitti, guerre e sopraffazioni. […] Le dinamiche strutturali che tengono insieme le famiglie […] sono ciò che ha definito l’evoluzione dell’uomo e la spiegazione della Storia” dice Muccino.

Presto, dunque, potremo di nuovo seguire le vicende dei ricchissimi ristoratori Ristuccia: i capostipiti Pietro (Acquaroli) e Alba (Laura Morante) e i loro tre figli Carlo (Francesco Scianna), Sara (Silvia D’Amico) e Paolo (Simone Liberati), più relativi compagni e figli. Contrapposti a loro i Mariani, con la mater familias Maria e i suoi figli Sandro (Valerio Aprea) e Riccardo (Alessio Moneta).

Gabriele Muccino, cast stellare
Gabriele Muccino (Instagram)

Una grande innovazione nello stile cinematografico di Muccino sarà il tocco thriller, insolito e inaspettato, che verrà dato alla serie tv: “Mi intrigava, ho sempre voluto farlo ma non mi era mai arrivata l’occasione” ha confessato il regista romano.