Cina, nuovo incontro con i talebani: il motivo del vertice

Vertice tra Cina e talebani in territorio neutrale: l’incontro tra il Ministro degli Esteri Wang Yi ed il gruppo dei sedicenti studenti coranici avverrà in Qatar.

Wang Yi
Il Ministro degli affari esteri della Cina Wang Yi (Getty Images)

Per la terza volta la Cina incontrerà i talebani. Le parti, rappresentate rispettivamente dal Ministro degli Esteri Wang Yi e da una delegazione dei sedicenti studenti coranici. Il vertice si terrà in Qatar, Paese che ha promosso l’incontro tramite invito del vice primo ministro Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani. Nel corso del meeting Cina e talebani discuteranno di quelli che sono i loro interessi comuni.

Vertice tra Cina e talebani a Doha: il motivo dell’incontro

La situazione in Afghanistan continua a destare non poche preoccupazioni. E mentre il resto del mondo sembra non voler istaurare rapporti con i Talebani, poiché insofferenti al riconoscimento dei diritti umani, nonché a principi democratici, la Cina avrebbe tutt’altra visione.

Talebani
(Getty Images)

Proprio per tale ragione, riporta La Stampa, nei prossimi giorni il Paese del Dragone ed il gruppo dei sedicenti studenti coranici si incontrerà per la terza volta al fine di confrontarsi su “temi di interesse comune”.

Leggi anche —> Afghanistan, nuove tensioni nel Paese: nasce il Consiglio di Resistenza

Il vertice avverrà a Doha, dopo l’invito avanzato dal vice primo ministro Mohammed bin Abdulrahman Al-Thani affinché l’incontro si svolgesse proprio in Qatar. Ad annunciarlo è stato il portavoce del Ministero degli Esteri cinesi Wang Wenbin. Il Ministro Wang Yi incontrerà, quindi, una delegazione talebana.

Prima di questo vertice, se ne erano tenuti altri due, uno dei quali a Tianjin prima della presa di Kabul. In quel frangente a rappresentare il gruppo afghano era il mullah Abdul Ghani Baradar, adesso nominato vice primo ministro.

L’incontro, come anticipato, avrà ad oggetto diversi temi di discussione. In primis la chiara esplicazione del quadro politico dell’Afghanistan per poi passare alla trattazione di questioni di interesse comune.

Leggi anche —> G20 straordinario dell’UE: la crisi umanitaria in Afghanistan

Stando a quanto riferisce La Stampa, il portavoce del ministero degli Esteri cinese ha affermato che come di consueto Pechino resta un partner dell’Afghanistan. Con il Paese ha sempre mantenuto un dialogo e non ha mai interrotto i rapporti.

Talebani
(Getty Images)

Il Dragone, ha chiosato Wang Wenbin, continua a fornire il proprio supporto chiedendo che però i talebani si impegnino a rimuovere la minaccia del movimento islamico del Turkestan orientale.