“Vite al Limite”. Un’esistenza traviata dal più terribile degli eventi: la storia incredibile di un paziente

“Vite al Limite”. Il programma di Real Time dedicato ai pazienti patologicamente obesi del Dr. Nowzaradan a volte nasconde retroscena carichi di dolore. La storia di Chuck Turner

Dr. Nowzaradan, Vite al Limite
Dr. Nowzaradan, Vite al Limite – Instagram

Il docu-reality “Vite al Limite” va in onda in Italia sul canale 31, Real Time, e narra le vicende di pazienti patologicamente obesi, il loro percorso di guarigione (non sempre costellato da successi) sotto la guida del chirurgo bariatrico Younan Nowzaradan.

Il format si propone di scardinare pregiudizi su questa malattia, mostrare le gravi condizioni di vita che deve affrontare chi ne è affetto e indagare sulle motivazioni che spesso portano ad atteggiamenti compulsivi nei confronti del cibo. Dietro ogni storia, infatti, c’è un passato segnato da forte dolore. Vi raccontiamo il viaggio di Chuck Turner verso la salute.

Leggi anche >>> “Vite al Limite”. La ferità più grande l’ha portata all’aumento di peso. Il retroscena doloroso di una giovane di 24 anni

“Vite al Limite”. Scopriamo che fine ha fatto Chuck Turner

Chuck Turner, Vite al Limite
Chuck Turner, Vite al Limite – Foto dal web

Chuck Turner è stato il protagonista della quarta puntata della seconda stagione di “Vite al Limite”. L’uomo, 45 anni, originario di Beaumont (nell stato del Texas) aveva raggiunto il peso straordinario di 315 kg.

La sua storia è molto triste e ha un retroscena tragico. La sua prima moglie è morta a causa di un efferato omicidio; lo shock non è mai stato del tutto superato da Chuck che, caduto in depressione, non riusciva a trovare conforto se non attraverso il meccanico e spasmodico consumo di cibo. Un linfedema di circa 20 kg non ha fatto altro che aggravare la sua situazione.

Ha trovato di nuovo l’amore e si è sposato con una donna di nome Nissa. Insieme hanno adottato un bambino di nome Nathan. Le cose sembrarono migliorare ma Chuck era in gran parte immobile e dipendente dalla seconda moglie a causa della sua mole. Non aveva intimità con lei e non riusciva nemmeno a giocare con il proprio figlio. Per questi motivi il matrimonio non è durato.

Deciso a dare una svolta positiva alla sua esistenza, Chuck Turner si è rivolto al dottor Nowzaradan per avere le cure necessarie per uscire dall’incubo dell’obesità. É riuscito a perdere molti chili cambiando le sue abitudini alimentari ed è stato sottoposto a bypass gastrico.

Leggi anche >>> “Vite al limite”. Obesa fin dall’infanzia ed estremamente manipolata dalla famiglia. Il destino terribile di una giovane donna

Alla fine delle puntata scopriamo che è riuscito praticamente a dimezzare il suo peso, giungendo a 156 kg. Dopo il programma ha continuato a seguire i consigli del famoso chirurgo bariatrico, armato di grande forza di volontà.

Chuck Turner, Vite al Limite
Chuck Turner, Vite al Limite – Foto dal web

In una recente intervista ha detto che il suo corpo per lui era come una prigione; adesso è felice di essere uscito da un incubo e aver recuperato salute e benessere.