Violenta aggressione a Varsavia: 7 giovani italiani massacrati di botte

L’assalto è esploso al di fuori di una discoteca della capitale polacca: le vittime hanno tutte vent’anni. 

sparatoria al Yachting club di San Vito
(Getty Images)

Violenta aggressione a Varsavia. Le vittime sono 7 giovani connazionali, brutalmente massacrati di botte al di fuori di una discoteca della capitale polacca. I ragazzi non hanno più di vent’anni e sono tutti originari del comune di Scandicci, a Firenze. Stando a quanto si apprende dalle fonti ufficiali, il gruppetto era volato in Polonia per passare il fine settimana insieme a due amici, attualmente residenti nella città polacca per l’Erasmus universitario. L’assalto è avvenuto la notte tra venerdì 29 e sabato 30 ottobre, quando le vittime erano al di fuori del locale.

NON PERDERTI ANCHE >>> Eruzione Cumbre Vieja: spaventose bombe di lava

Un ragazzo rischia di perdere l’occhio

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da DORIAN PELLUMBI (@dorpell)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Il supplizio di John Grant: convulsioni e vomito durante la sua esecuzione

Stando a quanto si legge da La Nazione, gli aggressori polacchi hanno assalito il gruppo con i tirapugni intorno alle 4:00 di notte, massacrandoli di botte. L’aggressione è stata di una brutalità senza precedenti: i criminali hanno agito con violenza, lasciando numerose lesioni profonde al viso e al corpo delle vittime. Secondo i primissimi accertamenti il movente dell’assalto ai nostri connazionali risiederebbe in un errato scambio di persona; tuttavia, risulta ancora sconosciuto il vero motivo di una tale violenza inaudita. Le prime ricostruzioni scrivono che, poco prima del massacro, i malcapitati erano usciti dal locale per andare a rintracciare un altro amico, anche lui originario di Scandicci, disperso in un’altra discoteca locale.

Tre ragazzi sono stati trasferiti d’urgenza al pronto soccorso. Ancora in ospedale il giovane che ha riportato una grave frattura al volto: secondo quanto si apprende dai familiari, che sperano di poterlo far operare a Firenze, il ragazzo rischia di perdere un occhio. Un altro ragazzo è stato dimesso dopo due giorni di osservazione: il paziente ha subito numerose ferite per i calci ricevuti all’altezza dell’addome: la brutalità è stata tale da causargli una pericolosa emorragia interna.

apertura discoteche
(Getty Images)

Ancora sconosciuti causa e movente dell’aggressione. Resta alta la pista dello scambio di persona. In merito, la polizia di Varsavia ha annunciato il prosieguo dell’inchiesta per ulteriori accertamenti e per risalire all’identità degli aggressori.

Fonte La Nazione