Covid-19, obbligo vaccinale per alcune categorie: “Pronti a prenderlo in considerazione”

Secondo il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, il Governo potrebbe prendere in considerazione l’obbligo vaccinale anti Covid-19 per alcune categorie.

(Getty Images)

L’aumento dei contagi da Covid-19, nelle ultime settimane, destra preoccupazione. Per questa ragione, sembra che il Governo potrebbe prendere in considerazione la possibilità di introdurre l’obbligo vaccinale per determinate categorie di soggetti. Ad affermarlo il sottosegretario alla Salute Andrea Costa, il quale ha aggiunto che l’esecutivo è pronto a valutare ogni iniziativa per proteggere la popolazione italiana. In merito al Green Pass, Costa ha dichiarato che il Governo potrà rivedere le misure restrittive solo raggiunto l’obiettivo del 90% di vaccinati.

Covid-19, obbligo vaccinale per alcune categorie: “Non è tabù, pronti a prenderlo in considerazione”

“L’obbligo vaccinale per alcune categorie? Non è assolutamente un tabù e siamo pronti a prenderlo in considerazione“. Queste le parole del sottosegretario alla Salute Andrea Costa durante un’intervista a “Restart 264” su Cusano Italia Tv.

Andrea Costa
Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ospite a “Restart 264” (screenshot Cusano Italia Tv)

Il sottosegretario ha poi spiegato che il Governo ha voluto avviare un rapporto di fiducia con i propri cittadini per quanto riguarda la campagna vaccinale, decisione che portato a risultati importanti sino a questo momento. “Credo – ha poi aggiunto- che in questa fase convenga continuare su questo percorso, ma è chiaro che siamo pronti a valutare ogni iniziativa dato che l’obiettivo è quello di proteggere la popolazione“.

Leggi anche —> Coronavirus, il bollettino del 2 novembre: 2.834 nuovi casi e 41 vittime

Per quanto riguarda il Green Pass, Costa ha spiegato che la sua introduzione è stata necessaria per far sì che chiunque non si sia voluto sottoporre alla vaccinazione potesse tornare a svolgere attività lavorative e sociali. La Certificazione Verde e le altre misure restrittive, ha proseguito il sottosegretario, potranno essere rivalutate dal Governo una volta raggiunto l’obiettivo prefissato del 90% della popolazione vaccinata. Al momento per raggiungere tale soglia mancherebbero circa 2 milioni di persone. “Mi auguro – afferma Costa- che in loro maturi la consapevolezza che vaccinandosi mettono al riparo la propria vita e permettono anche al Paese di proseguire il percorso verso la normalità. Sarebbe veramente un peccato arrestare questo percorso per qualcuno che ancora non ha compreso che il vaccino è l’unica via di uscita da questa pandemia“.

Leggi anche —> Covid-19, monitoraggio Iss: schizza a 0,96 l’Rt, sale anche l’incidenza dei casi

Secondo Andrea Costa bisognerà affrontare queste settimane con responsabilità e fiducia rispettando le norme di prevenzione come il distanziamento, l’utilizzo dei dispositivi di protezione personale e l’igienizzazione delle mani.

Vaccino
(Getty Images)

Il sottosegretario alla Salute ha concluso l’intervista affermando che il ministero non starebbe valutando l’eventuale reintroduzione dell’obbligo di mascherina all’aperto nelle prossime settimane. “Il prossimo Natale? Confido possa essere diverso da quello del 2020. Tante scelte dipenderanno da quante persone non vaccinate decideranno di sottoporsi alla vaccinazione”.