Crolla grattacielo di 21 piani in costruzione: il bilancio sale a 36 morti

L’edificio è crollato questo lunedì pomeriggio 1 novembre: le operazioni di soccorso sono iniziate quattro giorni dopo.

Polizia nigeriana
Polizia nigeriana (Getty Images)

Sale a 36 il bilancio delle vittime del crollo di un grattacielo a Lagos, la città più popolosa dell’Africa, nonché grande centro finanziario della Nigeria. Secondo quanto si apprende dalle fonti ufficiali, l’edificio di 21 piani in costruzione, ubicato nell’esclusivo quartiere di Ikoy, ha ceduto nel primo pomeriggio di lunedì 1 novembre mentre decine di operai erano in servizio.

NON PERDERTI ANCHE >>> Caso Cleo Smith: ritrovata viva la bambina di 4 anni scomparsa – VIDEO

Lagos, crolla grattacielo di 21 piani: 36 vittime

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Vende la fidanzata a trafficanti di sesso: il padre della ragazza lo uccide

La notizia collima con le informazioni rilasciate dai media internazionali. Tra questi, la BBC cita le parole del sito dell’edificio in costruzione – attualmente offline – precisando che l’immobile avrebbe dovuto far parte di un complesso chiamato 360 Degrees Towers, destinato a ospitare appartamenti di lusso, case a schiera e attici. L’edificio è crollato intorno alle 14:45 ora locale (13:45 GMT) nel quartiere di Ikoyi. Il disegno è stato sviluppato da Fourscore Homes, società immobiliare registrata nel Regno Unito con sede a Lagos con un portafoglio di progetti nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Sudafrica e in altre aree della Nigeria.

Il bilancio delle vittime sale a 36 morti. Il numero confermato questo giovedì (4 novembre) dal direttore generale dell’agenzia di gestione delle emergenze statali di Lagos Femi Oke-Osanyintolu all’agenzia di stampa francese AFP “Finora, 36 vittime – 33 uomini e 3 donne – sono state accertate; al momento nove i sopravvissuti.”  Non è ancora noto il numero preciso delle persone presenti sul sito al momento del crollo, così come le cause e dinamiche dell’incidente. In merito, le autorità locali hanno annunciato l’apertura di un’inchiesta per accertamenti sul caso. Sebbene sia ancora troppo presto per stabilire con certezza cosa abbia causato il crollo, Femi Oke-Osanyintolu ha suggerito in conferenza stampa la possibile pista delle infrazioni edilizie durante la costruzione.

I crolli degli edifici sono purtroppo assai frequenti in Nigeria. Secondo le stime dell’esperto Dr Okunola Olasunkanmi – specializzato in pratiche di riduzione del rischio di catastrofi con particolare attenzione alla resilienza urbana – dal 2005 al 2020 sono crollati almeno 152 edifici nella sola area di Lagos.

Fonte Al Jazeera, BBC