Tragico incidente sul lavoro: giovane marinaio perde la vita

Un marinaio di 26 anni ha perso la vita ieri mattina mentre lavorava a bordo di un peschereccio che si trovava nelle acque a largo di Pesaro.

Ambulanza
Ambulanza (Jimmy R – Adobe Stock)

Ennesimo incidente mortale sul lavoro in Italia. Ieri mattina, un giovane marinaio tunisino di 26 anni ha perso la vita mentre si trovava su un peschereccio al largo di Pesaro. La vittima sarebbe stata colpita alla testa da una parte meccanica dell’imbarcazione. Portato a riva, i medici del 118, giunti sul posto, hanno provato a rianimare il 26enne, ma ogni tentativo non ha avuto successo. Su quanto accaduto sono in corso le indagini dei militari della Capitaneria di Porto.

Pesaro, incidente mortale sul lavoro: muore giovane marinaio a bordo di un peschereccio

Si aggrava il bilancio delle morti sul lavoro nel nostro Paese. L’ultima si è registrata nella mattinata di ieri, giovedì 4 novembre, nelle acque a largo di Pesaro. Un marinaio tunisino di 26 anni è deceduto mentre lavorava a bordo del motopeschereccio Orca di Pesaro.

Guardia Costiera
Guardia Costiera (Riccardo Arata – Adobe Stock)

Stando alle prime ricostruzioni degli investigatori, come riporta la stampa locale e la redazione de Il Resto del Carlino, il giovane marinaio sarebbe stato colpito alla testa da una parte meccanica del peschereccio che, per cause ancora da accertare, si è sganciata dalla sua base. Un impatto violento che non ha lasciato scampo al giovane.

Leggi anche —> Dramma dopo la partita: tifoso trovato morto in un bed&breakfast

I colleghi, subito dopo la tragedia, hanno lanciato l’allarme e portato a riva il 26enne. Qui è giunto il personale medico del 118 che ha provato a rianimare il marinaio, ma ogni sforzo si è rivelato vano. L’equipe medica alla fine si è dovuta arrendere costatandone il decesso: troppo gravi le ferite riportate nell’incidente.

Leggi anche —> Scontro frontale tra due auto sulla statale: un morto e due feriti

Soccorsi
(ChiccoDodiFC – Adobe Stock)

Sul posto sono arrivati anche gli uomini della Capitaneria di Porto che stanno conducendo le indagini, coordinate dalla Procura, per ricostruire con esattezza quanto accaduto. Da quanto emerso, riporta Il Resto del Carlino, la vittima lavorava solo da pochi giorni a bordo dell’imbarcazione.