Napoli, Insigne-Spalletti ai ferri corti? Rinnovo sempre più complicato

La questione del rinnovo di Lorenzo Insigne in casa Napoli si fa sempre più complicata e potrebbe esserci lo zampino di Spalletti 

Spalletti
Luciano Spalletti © Getty Images

Il rinnovo di Lorenzo Insigne è un argomento molto discusso negli ultimi tempi. I tifosi del Napoli vorrebbero vedere il capitano vestire ancora la maglia azzurra magari fino a fine carriera. Il continuo dibattere sulle scadenze imminenti e sull’ingaggio del calciatore fa intuire un certo nervosismo all’interno dello spogliatoio partenopeo.

Il patron Aurelio De Laurentiis oggi è stato chiaro sul fatto che sta parlando con l’agente del rinnovo del 30enne di Frattamaggiore. “Se Lorenzo vuole chiudere qui da noi la carriera, lo accoglieremo a braccia aperte, altrimenti ce ne faremo una ragione“. 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Legia Varsavia-Napoli 1-4 le pagelle e il tabellino: gli azzurri salgono al primo posto del girone!

Lorenzo Insigne è ancora nei piani di Luciano Spalletti?

Lorenzo Insigne
Lorenzo Insigne (Getty Images)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE -> Salernitana-Napoli 0-1 le pagelle e il tabellino: Zielinski regala 3 punti fondamentali agli azzurri

Nelle ultime gare Mister Spalletti sembra essere stato sulla stessa linea d’onda del presidente ma in anticipo. Lorenzo il Magnifico è stato lasciato in panchina durante il derby campano contro la Salernitana, vinto per 1-0 con gol di Zielinski al 61′. Il tecnico toscano ha parlato di “discorsi interni” e “situazioni da gestire” nella rosa azzurra.

Il capitano non è stato convocato quando la squadra è volata in Polonia per il match di Europa League contro il Legia Varsavia. In questo caso il Napoli è andato sotto di un gol e poi ha rimontato e annichilito gli avversari con un poderoso poker. I marcatori sono stati Zielinski e Mertens su rigore, Lozano e Ounas. Sebbene Luciano Spalletti abbia sbottato contro i giornalisti proprio alle domande su Insigne la realtà sembra dire altro.

Un altro episodio chiave è stato quello della sostituzione non gradita durante la partita contro la Fiorentina. In quell’occasione il bomber azzurro ha sbagliato un rigore e poi, al 70′, gli è stato preferito Diego Demme per dare nuova linfa alla squadra.

Luciano Spalletti
Luciano Spalletti (Getty Images)

La gara è terminata 2-1 con gol di Lozano e Rrahmani. “Ne avevo ancora mister” è stata la frase pronunciata da Lorenzinho quando, evidentemente indispettito, è uscito dal campo e si è andato a sedere in panchina. In fin dei conti, si può parlare di caso-Insigne?