“Vite al Limite”. Un’esistenza distrutta dall’obesità patologica. Oggi è un’altra persona: non riuscirete a credere ai vostri occhi

“Vite al Limite”. Il celebre docu-reality in onda in Italia sul canale 31, Real Time, segue il percorso di rinascita di persone affette da obesità patologica. La storia di Susan Farmer

Susan Farmer, Vite al Limite
Susan Farmer, Vite al Limite

L’obesità è una condizione patologica caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso corporeo che può portare gravi effetti negativi sulla salute fino addirittura alla morte. Si definisce obeso un soggetto con indice di massa corporea (IMC) superiore ai 30 kg/m².

Il trattamento indicato per questo tipo di condizione è sicuramente caratterizzato da una corretta dieta alimentare ed esercizio fisico in associazione anche a supporto psicologico e a cure farmacologiche. Tuttavia, in determinate situazioni definite estreme, non sempre questo tipo di approccio può risultare vincente. É il caso dei pazienti che partecipano al famoso programma “Vite al limite”, in onda in Italia sul canale 31 Real Time. Il docu reality è prodotto negli Stati Uniti dove prende il nome di “My 600 lb Life” (“La mia vita a 300 kg), trasmesso dalla rete TLC. Protagonista della seconda puntata della terza stagione è Susan Farmer. Vi presentiamo la sua storia.

Leggi anche >>> “Vite al Limite”. La ferità più grande l’ha portata all’aumento di peso. Il retroscena doloroso di una giovane di 24 anni

“Vite al Limite”. Scopriamo che fine ha fatto Susan Farmer