Mediaset Choc: Piersilvio Berlusconi chiude due storiche trasmissioni

Piersilvio Berlusconi dice addio ad alcuni programmi storici, il pubblico stenta a crederci: ecco cosa sta succedendo 

piersilvio berlusconi
L’imprenditore Piersilvio Berlusconi (Getty Images)

Incredibile ma vero, l’imprenditore Piersilvio Berlusconi ha deciso di chiudere alcune trasmissioni, in particolare si parla di redazioni storiche che a quanto pare non stanno riscontrando i successi sperati.

E’ Fanpage.it a riportare il grande annuncio, si tratta di Studio Aperto, Tg4 e Sport Mediaset. Scopriamo insieme tutti i dettagli di questa decisione drastica.

Piersilvio Berlusconi, i motivi della scelta

piersilvio berlusconi
(Getty Images)

Studio Aperto, Tg4 e Sport Mediaset chiudono i battenti. Sembrerebbe questa la decisione presa da Piersilvio Berlusconi dopo un’attenta analisi del numero degli ascolti e dello share della trasmissioni.

L’imprenditore però ha già un piano: i giornalisti che fino ad oggi hanno lavorato in queste redazioni manterranno un contratto a tempo indeterminato e avranno un impiego molto più concentrato e produttivo.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>Terribile incidente sulla statale: morto un uomo, ferite la moglie e le figlie

A quanto pare le uniche redazioni che continueranno a produrre un servizio saranno quelle del Tg5 e Tgcom24. Così alcuni operatori delle trasmissioni che chiuderanno saranno impegnati per le attività di quest’ultime.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione dell’informazione che per la prima volta cambia totalmente i parametri e le linee guida seguite fino ad oggi.

Ci sarebbero anche molte fuoriuscite. Secondo quanto riporta Fanpage.it sono previsti almeno quarantacinque addii per i prossimi tre anni che comprendono i prepensionamenti volontari e i contratti in scadenza che non saranno rinnovati proprio a causa di questa svolta epocale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE>>>“Brutta”, Elisa De Panicis massaggio bollente: sotto la mantella nulla. Gambe da capogiro – FOTO

L’obiettivo è quello di razionalizzare l’informazione con una riduzione delle spese e costi, pur mantenendo una qualità alta.

piersilvio berlusconi
(Getty Images)

Il pubblico si chiede se questa sia la scelta giusta. Per il momento lo sembra, ma spetterà all’imprenditore e all’azienda Mediaset analizzare l’evoluzione degli eventi e le conseguenze di tale decisione. Attualmente è tutto pronto per dare il via a questa importante svolta dell’informazione che porrà in primo piano alcuni particolari e novità.