Vacanza in montagna risparmiando? Si può fare, con le dovute accortezze

Non è un mistero che la spesa degli italiani per le vacanze si sia ridotta quest’anno come conseguenza della pandemia e dei suoi effetti economici. È possibile, però, organizzare una vacanza in montagna risparmiando? E, se sì, come? Proviamo a rispondere a queste e simili domande.

Come risparmiare sulla vacanza in montagna: qualche consiglio utile

Il primo modo per risparmiare sul budget per le proprie vacanze in montagna è scegliere bene la meta di vacanza. Online o nelle agenzie specializzate non è difficile trovare offerte vacanze in Alto Adige per chi vuole desidera fare vacanze sulle Dolomiti. Il vero segreto per risparmiare però non è tanto aspettare che siano disponibili pacchetti low-cost o promozioni speciali, per lo più riservati per altro a chi prenota all’ultimo momento e senza molto anticipo, quanto scegliere località leggermente fuori dai radar del turismo più di massa: piccoli borghi montani meno conosciuti, ma non meno affascinanti.

Considerato che una delle voci di spesa più consistenti quando si organizza una vacanza è quella per l’alloggio, anche dalla scelta della tipologia di struttura ricettiva e delle date in cui viaggiare dipende naturalmente quanto si riesce a risparmiare sulla propria vacanza in montagna. La buona notizia è, nel primo caso, che in quasi tutte le località montane italiane non mancano resort immersi nella natura, hotel con spa e centri benessere tanto quanto b&b più economici o, addirittura, appartamenti in affitto più convenienti nel prezzo soprattutto se si viaggia in gruppo.

Se la stagione sciistica è il momento del pienone per la maggior parte delle mete montane, quelle vicine agli impianti da risalita vengono prese letteralmente d’assolto. I veri amanti della montagna sanno bene che ogni stagione è quella giusta per godersi il fascino dell’alta quota e che, anzi, quando i viaggiatori “occasionali” vanno via si ha meglio modo di apprezzare la montagna: se i propri impegni lavorativi soprattutto lo permettono, meglio optare insomma per una vacanza in montagna in bassa stagione se l’obiettivo è risparmiare.

Programmare in anticipo tutte le proprie tappe, se non si intende “fermarsi” in un solo posto, e prenotare le escursioni e le attività che si intendono effettuare può essere un altro modo per risparmiare sul costo della vacanza in montagna, considerato che potrebbe rivelarsi l’unico per approfittare di pacchetti completi o “card” comprensive di skipass, per esempio, o di visite guidate con guida esperta o di laboratori e attività dedicate ai più piccoli. Pianificare è, del resto, la parola d’ordine per evitare spiacevoli imprevisti che in montagna possono essere (molto) costosi. Attenzione, infine, agli spostamenti: se non ci si muove con mezzi propri e non si vuole fare affidamento a quelli privati, si può essere tentati dai numerosi servizi navetta offerti dagli alberghi ma che non sempre sono inclusi nel prezzo a notte.