Nomine Rai, scoppia una bomba in casa M5S dopo le parole di Conte

Le nomine Rai hanno scontentato l’M5S primo tra tutti Giuseppe Conte, il quale avverte che i pentastellati non si presenteranno più sulla Tv di Stato.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte (Getty Images)

Una bomba quella esplosa tra le mura domestiche del Movimento 5 Stelle dopo le nomine Rai. Ai pentastellati non sarebbe stata accordata alcuna richiesta. Giuseppe Conte avrebbe, quindi, minacciato di disertare la Tv di Stato ed alcuni dei suoi, per tale ragione, gli si sarebbero rivoltati contro. Una linea troppo rigida non condivisa.

Nomine Rai, spaccatura nel M5s dopo la “minaccia” di Giuseppe Conte

Rai
(Claudio Divizia – Adobe Stock)

Una linea troppo dura quella di Giuseppe Conte che ha fatto alterare gli animi di molti dei suoi. Tutto, riporta Il Giornale, a causa delle nomine Rai dove il M5S non sarebbe stato accontentato su nessun fronte. Da lì, la scelta dell’ex Premier di prospettare l’assenza grillina dalla Tv di Stato, una decisione appunto non condivisa. Qualcuno avrebbe messo in discussione la sua figura, altri gli avrebbero rimproverato poco polso sulla figura di Carboni a cui neanche il canale radio sarebbe stato assegnato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nomine Rai, è scontro tra i partiti: tensioni nel centrodestra

Sta di fatto che di commenti negativi all’Avvocato del Popolo ne sarebbero arrivati diversi ed anche dai toni pesanti. “Ci ha messo il bavaglio” avrebbe tuonato qualcuno stando a quanto riporta Il Giornale. Ed ancora, qualcuno ha pensato ai risvolti pratici di una scelta di tal genere: “Ma se dovesse scoppiare una crisi internazionale, il ministro degli Esteri dovrà andarne a parlare su una televisione commerciale, anziché in quella di Stato che viene pagata con il canone dagli italiani?“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Usa-Cina, deposta l’ascia di guerra: sottoscritto importante accordo

Ad un quadro di tali tensioni, aggiunge Il Giornale, si inserisce un’altra questione ossia la possibilità che dietro l’esclusione di Carboni ci sia stato un faccia a faccia serrato tra Conte e Di Maio. Una circostanza verosimile – ma non accertata- perché pare che dopo le nomine il leader del Movimento avrebbe convocato un vertice con i propri Ministri: a mancare però proprio quello degli Esteri. Tuttavia, ufficialmente Di Maio risultava preso da altri impegni.

Luigi Di Maio
Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio

Sulla questione nomine, pare dunque che il Movimento si sia diviso. A Giuseppe Conte sarebbe importato a tal punto da avanzare l’ipotesi di non presentarsi più in Rai. Di Maio, invece, avrebbe come sempre una linea più conciliativa.