Allerta quarta ondata: quadro drammatico per Germania e Russia

Aumentano i casi di positività al Covid-19 in Europa: i dati confermano l’impennata di contagi in Germania e Russia.

U-Mask, scatta la denuncia di Striscia la Notizia: “Filtrano meno di….”
Mascherine contro il Covid-19 (Foto di Wilfried Pohnke da Pixabay)

Ancora tanta preoccupazione per la ripresa dei contagi da Covid-19. L’allerta della quarta ondata accelera specialmente in Europa, dove le autorità di ogni Paese stanno tentando di correre ai ripari tra l’imposizione di nuove misure di contenimento del virus e l’avvio alla terza dose di vaccini. In Germania la situazione è particolarmente“drammatica”, ha confermato la cancelliera Angela Merkel. Secondo i dati ufficiali dell’istituto federale Robert Koch, sono 65.371 i nuovi casi positivi registrati nelle ultime 24 ore; tuttavia, i contagi reali potrebbero essere il doppio o il triplo.“, ha precisato il presidente dell’Istituto RK.

NON PERDERTI ANCHE >>> Impennata Covid in Germania: superati i 50000 casi in un giorno

Austria: il primo paese con l’obbligo vaccinale da febbraio

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Angela Merkel (@bundeskanzlerin)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Il pronome neutro lgbt+ entra nel dizionario: indignazione ai vertici

Il nuovo record negativo mostra il volto attuale della Germania. Scattata l’emergenza, il governo federale tedesco e i primi ministri dei 16 governi regionali hanno optato per l’avvio di rigide restrizioni verso chi non si è vaccinato. In merito, la cancelliera Angela Merkel ha presentato le nuove restrizioni sociali: l’accesso a ristoranti, bar saranno accessibili solo alle persone vaccinate o considerate completamente guarite dal SARS-CoV-2. La rigida risoluzione contro i no-vax è già in vigore da quasi una settimana in Austria, con l’annuncio ufficiale dell’isolamento forzato di tutti i cittadini anti-vaccino a partire dai 12 anni di età. Da lunedì 22 novembre, il Paese estenderà il lockdown anche ai vaccinati per tentare di arginare in 20 giorni il pericoloso innesco della quarta ondata virale. Dal 1 febbraio 2022, scatterà invece l’obbligo vaccinale. Spostiamoci ora in Russia, dove la situazione è ancor più delicata: il record di casi è stato registrato il 6 novembre con 41.335 contagi confermati.

Vladimir Putin Russia conferenza dicembre
Vladimir Putin durante la conferenza (Getty Images)

Secondo uno studio britannico, la pandemia di coronavirus è nel peggiore degli scenari in assoluto e potrebbe costare altri 300mila morti e 900mila ricoveri.