Celebrazione buddhista finita in tragedia: 15 morti

Sono almeno 15 le persone morte annegate questa domenica (21 novembre) in Birmania: cause e dinamiche della tragedia.

Sono almeno le 15 persone morte annegate questa domenica (21 novembre) mentre tentavano di attraversare una sopraelevata allagata per avviare un rito religioso di celebrazione buddhista. Secondo quanto riportano i soccorritori citati dall’Agence France Presse (AFP), al momento della tragedia le vittime stavano tentando di raggiungere pagoda Kyeik Hne, tempio buddhista che si erge su uno sperone roccioso a tre chilometri dalla costa vicino alla città di Thanbyuzayat, nello stato di Mon del sud-est del Myanmar.

NON PERDERTI ANCHE >>> Repressione Uiguri: video conferma i campi di internamento di Xinjiang

Tragedia Myanmar: 15 morti e 3 persone ancora disperse

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mizzima Daily (@mizzimadaily)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Pakistan elimina la castrazione chimica per gli stupratori seriali

La notizia trova conferma nelle ultime dichiarazioni dei funzionari locali, le cui fonti ufficiali precisano che al momento dell’incidente non era consigliato peregrinare sulla strada poiché completamente sommersa dall’alta marea. Un alto funzionario ha difatti precisato che in quel momento “era ancora troppo presto” per passare sulla sopraelevata dalla larghezza di circa quattro metri. “Normalmente permettiamo alle persone di venire alle 6:30 del mattino, ma loro non ci hanno ascoltato e hanno iniziato a cercare di attraversare troppo presto.“, ha ribadito ai media l’autorità locale Nai Sahai Eain.

Il bollettino delle vittime è drammatico e, secondo le stime di uno dei soccorritori, ancora 3 persone mancano all’appello e risultano ancora disperse. Il bilancio conta finora 15 morti. La cifra collima con l’asserzione di Kyaw Thu, un soccorritore di Thanbyuzayat. Questi ha riferito all’AFP che “15 corpi erano stati trasferiti in ospedale.” La testimonianza di un residente locale Nai Wona ha confermato la criticità della situazione: oltre a essere letteralmente sommersa dalla marea alta, la carreggiata non era sufficientemente segnalata; grandi ostacoli per gli spostamenti.

repressione di sangue birmania
Birmania (Getty Images)

Secondo quanto riferito dal testimone Nai Wona, alcune vittime sono morte annegate dopo essere state spinte in mare dalla folla.