Tragedia ad alta quota, elicottero si schianta: 3 morti, 1 ferito

L’incidente è avvenuto questo giovedì (25 novembre): l’elicottero è precipitato in prossimità dell’area di Ñu Guasú, in Paraguay.

Tragedia nella volta del Paraguay, dove un elicottero si è schiantato nei pressi dell’area di Ñu Guasú, un quartiere di Asunción, capitale e città più grande del Paese sudamericano. Stando a quanto riferisce il Diario de La Nación, a perdere la vita sono tre soldati paraguaiani. L’informazione trova conferma nell’ultima dichiarazione delle autorità locali, il cui comunicato precisa il bollettino delle vittime e conferma che l’unico sopravvissuto è gravemente ferito.

NON PERDERTI ANCHE >>> Due attacchi-bomba nella capitale: almeno 7 morti

Incidente in elicottero a Ñu Guasú: le identità delle vittime

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ABC Digital (@abcdigital)

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE >>> Quarta ondata piega la Germania: il Paese piange 100mila vittime

La notizia collima con i dettagli rilasciati dal Dipartimento dei media dell’Aeronautica militare, il cui rapporto ufficiale dichiara che l’incidente è avvenuto intorno alle 8:00 di questo giovedì 25 novembre. Il velivolo in questione, un UH-1H con registrazione FAP N ° H-0433, stava effettuando un volo di istruzione al momento della tragedia. Secondo quanto riferito dalle autorità paraguayane, l’elicottero stava volando a bassa quota e all’improvviso è precipitato in prossimità di Ñu Guasu, nella capitale Asunción.

Immediato l’intervento dei vigili del fuoco volontari e del pronto soccorso. A bordo dell’aeromobile vi erano 4 occupanti; 3 di loro sono morti; l’unico sopravvissuto, gravemente ferito, è stato trasferito d’urgenza in ospedale. Secondo le ricostruzioni riferite dal comandante dell’aeronautica paraguaiana Arturo González, la tragedia è conseguita a una manovra di emergenza a causa di problemi a bordo. Il quotidiano ABC Color precisa lo scoppio di un violento incendio a seguito dell’atterraggio improvvisato.

Nonostante tutti i membri dell’equipaggio siano riusciti a lasciare l’aereo prima dell’inizio dell’esplosione, tre di loro – Andrea Larissa Cubilla Aguayo, Gustavo Rafael Velazco Acosta e Gustavo Arzamendia Rolón – non ce l’hanno fatta.

 

L’unico superstite, Antonio Ariel Martínez Cabrera, è ricoverato in prognosi riservata.