Vitamina D, utile per un organo importantissimo. Se carente i danni sono irreparabili

La vitamina D viene considerata benefica per il corpo, tuttavia da poco è stato scoperto un effetto collaterale allarmante 

Uova
Uova (Foto di Steve Buissinne da Pixabay)

Molte vitamine sono benefiche per il corpo, tra queste c’è anche la vitamina D che è nota per la salute delle ossa. Sostiene anche la salute della tiroide ed è importante in gravidanza, riesce anche a mantenere l’intestino in equilibrio e  la funzione immunitaria. Recentemente si è scoperto che riesca ad influenzare anche lo sviluppo del cervello.

Che effetti ha la vitamina D sul cervello

Cervello
Il cervello (Getty Images)

La vitamina D è correlata al funzionamento del cervello e ha anche un legame con l’umore e il benessere mentale. A quanto pare questa vitamina incide sulla regolazione della plasticità del cervello. Uno studio americano pubblicato sulla rivista scientifica “Brain Structure and Function and Trends Neuroscienze”, ha rivelato che la vitamina D è fondamentale per la salute del cervello.

Una sua carenza causerebbe depressione e anche la schizofrenia. Molte persona nel mondo soffrono di carenza di vitamina D e di conseguenza riportano problemi cognitivi e altri problemi alla struttura cerebrale.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>Lello Arena a teatro, a YesLife il ricordo di Massimo Troisi: “L’imbarazzo reciproco..”

Lo studio spiega come la vitamina D crei delle reti perineuronali che formano una maglia forte intorno ad alcuni neuroni. In questo modo stabilizzano i contatti che queste cellule hanno con altri neuroni. Gli studiosi hanno svolto un esperimento su dei topi, eliminando dalla loro dieta la vitamina D. Hanno potuto immediatamente notare che gli animali hanno dimostrato un abbassamento della capacità di ricordare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>>“No vabbè pazzesca” Chiara Francini e l’accessorio che manda in escandescenza: ce l’ha proprio lì – FOTO

Pertanto sembrerebbe comprovato che una mancanza di vitamina D nel corpo possa condurre alla riduzione di queste reti perineuronali nell’ippocampo, che è la parte del cervello responsabile della memoria. La vitamina D viene prodotta dal corpo con l’esposizione al sole, e poi si trova in alcuni alimenti. Esistono due forme di vitamina D, quella D2 e la D3, la prima si trova negli alimenti vegetali e la seconda in quelli animali.

Funghi
Funghi porcini – pixabay

Vediamo quali sono gli alimenti che contengono la vitamina D: salmone, sgombro, pesce spada, uova, tonno, aringhe e sardine, olio di fegato di merluzzo, latte di mucca e funghi. La carenza di vitamina D viene diagnosticata con gli esami del sangue e le cause di questa mancanza sono, la scarsa esposizione al sole, scarso consumo di pesce grasso e anche obesità.